Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cinema-morto-Ugo-Gregoretti-5e52b76a-3a59-4811-b0d3-352eecf409fa.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Si è spento nella sua casa romana a 88 anni

Lutto nella cultura, è morto Ugo Gregoretti

L’ironico osservatore del costume italiano aveva ricevuto nel 2010 il Nastro d’argento alla carriera. Sabato 6 luglio i funerali nella Chiesa degli artisti di Piazza del Popolo

Condividi
Ugo Gregoretti amava dire di essere nato due volte: la prima a Roma il 28 settembre 1930 da una tranquilla famiglia borghese e la seconda nel 1953 quando ad appena 23 anni entrò per la prima volta alla Rai da impiegato, proprio alla vigilia della nascita della tv italiana. Pur rimanendo per tutta la vita uno spirito libero, un regista dissacrante, un autore fuori dagli schemi, Gregoretti deve molto alla televisione e questa gli deve forse anche di più perché fu uno dei pochi nell'intellighentia di sinistra a capire ed esaltare l'importanza e le potenzialità del nuovo mezzo di comunicazione e creazione artistica che avrebbe trasformato l'Italia.

E' morto nella sua casa romana e domani sabato 6 luglio i funerali saranno celebrati alle 18 nella Chiesa degli artisti di Piazza del Popolo, dopo l'appuntamento con la camera ardente alla Casa del cinema dalle 10 alle 13.

L'aneddotica, di cui Gregoretti era maestro, vuole che dovendo trovare delle occupazioni al neo-assunto in Rai gli fosse affidata la ricerca del santo patrono della tv e quando, nella meraviglia generale, la sua candidatura di Santa Chiara fu approvata da Papa Pio XII, il ragazzo di bottega si conquistò i galloni di regista per la sua prima vera regia (dopo il documentario d'esordio su Piazza San Marco del 1956): un corto d'autore su "La Sicilia del Gattopardo" con cui vinse il Prix Italia, per l'epoca un vero Oscar della tv, nel 1960. L'anno dopo il suo primo vero programma "Controfagotto": 8 puntate tra inchiesta e satira sociale nell'Italia minore che ebbero grande popolarità e gli permisero di coniare un linguaggio nuovo con una libertà espressiva venata di paradosso surreale che diventerà la sua cifra distintiva. C'era in quella serie di ritratti dedicati a personaggi e situazioni di un paese ancora sospeso tra città e campagna una vena potente che anticipava le grandi inchieste di altri cineasti come Soldati e Comencini, la candid camera di Nanni Loy, ma anche l'adesione empatica dell'intellettuale alla gente comune che poi Sergio Zavoli avrebbe tradotto in giornalismo televisivo maiuscolo.

Nel 1962 Gregoretti avvia anche la sua carriera cinematografica con i "I nuovi angeli" , un viaggio antologico a episodi tra la nuova generazione di adolescenti che cresceva all'ombra del boom economico. Girato a basso budget ma distribuito da Titanus, interpretato da attori non professionisti secondo la lezione del neorealismo, il film coglieva in nuce le aspirazioni sociali e l'etica politica di un autore che negli anni successivi avrebbe abbracciato l'ala più movimentista della sinistra italiana in appassionata dialettica con l'ortodossia comunista. Da lì, prima e durante i fermenti del '68, sarebbero nati i film più celebri e impegnati, da "Il pollo ruspante", episodio di "Ro.Go.Pa.G" a "Omicron" (entrambi del '63) a "Apollon" (1969).

Il suo stile dissacrante e gioiosamente beffardo si dispiegava però meglio in tv, quasi un controcanto alla cultura ufficiale, con sceneggiati memorabili tra "Il circolo Pickwick" (1968) a "Le tigri di Mompracem" (1974), da "Romanzo popolare italiano" (del '75) a "Uova fatali" del '77.  Ma,a intervalli regolari, tornava poi al documentario militante ("Vietnam, scene del dopoguerra", 1975 o "Comunisti quotidiani", 1980) o si regalava incursioni nella sua altra grande passione, la musica operistica, come nell'autobiografico "Maggio musicale", 1990. Impegnato in politica e nell'attività associativa degli autori con l'Anac di cui è stato presidente, dissacrante osservatore di costume e intellettuale solo apparentemente distaccato, condivideva l'idea della satira come strumento rivoluzionario con quella generazione di maestri che aveva cambiato la scena del cinema italiano dagli anni '50 in poi: Monicelli, Age&Scarpelli, Montaldo, Scola, Nanni Loy: quelli con cui ogni mercoledì divideva la mensa alla trattoria Otello in via della Croce a Roma.

Ma altrettanto epici restano nella memoria i confronti e le battaglie politiche insieme a Citto Maselli, Gillo Pontecorvo, Giuliano Montaldo, tradotte poi negli ultimi film collettivi fino a "Scossa" del 2011: nottate spesso concluse nel segno dello stesso gusto per le grandi arie d'opera cantate insieme sfidandosi del repertorio dei compositori italiani. Infatti per Gregoretti il memorabile allestimento de "L'italiana in Algeri" del '76 non fu episodio isolato ma una forma espressiva parallela culminata nella direzione del Teatro Stabile di Torino nei secondi anni '80.

Sposato dal 1964 con l'amatissima Fausta Capece Minutolo, padre di Lucio, Gianlorenzo, Filippo e dell'adorata Orsetta, celebrato nel 2010 con il Nastro d'Argento alla carriera, nel 2014 con il Premio del BiFest di Bari, Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana dal 2004, Gregoretti verrà ricordato come uno dei cineasti più originali della sua generazione e come un intellettuale nella migliore tradizione partenopea (quasi una patria d'elezione per amore della moglie) il cui spirito internazionale e colto sapeva coniugare come nessun altro con la forza satirica infiammata di passione segreta della tradizione romana. 

Casellati: cultura italiana perde grande personaggio
"Attore, regista, giornalista, scrittore, uomo di cinema, di teatro, di televisione: Ugo Gregoretti è stato un intellettuale a tutto tondo, una figura poliedrica unica nel mondo della cultura e dello spettacolo italiano. Un uomo di grande ironia, visione e raro spirito di osservazione che ci lascia in eredità una produzione culturale variegata e di enorme valore". Lo ha detto il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ricordando il regista scomparso. "La cultura italiana oggi ha perso un grande personaggio. Di lui ricorderemo soprattutto la straordinaria capacità di essere un pioniere in tutte le attività in cui si è cimentato, dai film ai documentari ai programmi televisivi. Ai suoi familiari esprimo tutto il mio cordoglio personale", ha concluso Casellati.

Napolitano: profondamente addolorato per scomparsa maestro
"Piango con animo profondamente addolorato la scomparsa di Ugo Gregoretti, maestro dell’arte e della cultura cinematografica e protagonista impegnato di memorabili momenti di lotta in questo campo cruciale. Ai famigliari e a quanti lo hanno conosciuto e apprezzato esprimo le più sentite condoglianze". Così in una nota il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Biennale Venezia: un saluto commosso
"Un saluto commosso a Ugo Gregoretti (1930-2019) regista, attore, giornalista, drammaturgo. Alla Biennale Cinema 1963 in concorso con il film Omicron". Così la Biennale di Venezia ricorda su twitter Gregoretti.

Rutelli (Anica): ci lascia una personalità eccezionale
"Ci lascia una personalità eccezionale, che ha trasformato con intelligenza, cultura, ironia, l'immaginario di milioni di italiani". Così Francesco Rutelli, presidente Anica - Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive multimediali, commenta la notizia della scomparsa di Gregoretti. "E' stato un biografo sempre sorprendente e innovativo del dopoguerra - aggiunge - e delle mutazioni della nostra società. Sono stato onorato della sua amicizia e l'ho ricambiata con devozione laica. Almeno l'ho ri-incontrato casualmente alcune settimane fa a Piazza delle Coppelle: ho ritrovato il suo sorriso unico, pur nella malattia, e l'ho festeggiato".

L'omaggio di Rai Cultura
Per ricordare Ugo Gregoretti, Rai Cultura cambia la propria programmazione e lo ricorda su Rai5 e Rai Storia.

Già questa sera - venerdì 5 luglio alle 21.15 (e in replica domenica 7 alle 15.50) - Rai5 propone il documentario di Barbara Pozzoni ''Papà Ugo. I Gregoretti si raccontano''. Ripercorrendo gli anni trascorsi insieme, la moglie e i figli di Gregoretti descrivono la sua ironia e la sua tenerezza, la sua indulgenza e la sua capacità di far sorridere. Traspare un Gregoretti inconsueto, quello ancora bambino che verseggiava col nonno, Ugo pure lui; e che prendeva benevolmente in giro il padre chiamandolo Eschilo, per il suo tono drammatico. Un uomo dal fine intelletto che ha diviso la sua vita tra la famiglia ed il lavoro, ma che spesso è riuscito ad unificare le due cose, portandosi la professione a casa e facendo recitare i familiari. Vecchi materiali di repertorio si alternano alle interviste, regalando momenti della sua vita passati con Ugo Tognazzi o con Tonino Delli Colli, con Lucio Dalla o con l'Equipe 84.

Sempre su Rai5, sabato 6 luglio alle 16.40, lo spettacolo teatrale ''Ma che cosa è questo amore'' tratto da Achille Campanile con la regia di Gregoretti.

Su Rai Storia, invece, questa sera alle 20.30 e alle 23.30 - con replica sabato 6 luglio alle 20.00 e alle 00.30, e domenica 7 alle 11.30 e alle 19.00 - va in onda lo Speciale ''Ugo Gregoretti, maestro dell'ironia'', con la regia di Keti Riccardi. Il programma ripercorre la sua carriera culturale attraverso alcune sue interviste e immagini di repertorio tratte dai suoi più importanti lavori: ''Argini contro la paura'', ''La Sicilia del Gattopardo'', ''Controfagotto'', ''Omicron'', ''Il Circolo Pickwick'', ''Le Uova Fatali'', fino al recentissimo ''Pinocchio (mai)visto dal gatto e la volpe'', divertissement teatrale con Andrea Camilleri.
Condividi