MONDO

Cop 23 a Bonn

Clima: le emissioni di CO2 tornano a crescere dopo 3 anni. A rischio obiettivi Parigi

L'allarme dalla conferenza dei rappresentanti di 195 Paesi del mondo riuniti a Bonn per la Conferenza Onu sul clima (Cop23) 

Condividi
Dopo tre anni di crescita praticamente nulla, nel 2017 le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) generate da industria e combustibili fossili torneranno a salire, del 2%. Sono le stime dell'ultimo Global Carbon Budget pubblicato sulle riviste Nature Climate Change, Environmental Research Letters ed Earth System Science Data Discussions e presentato a Bonn: un campanello di allarme per i rappresentanti di 195 Paesi del mondo riuniti nella città tedesca per la Conferenza Onu sul clima (Cop23). Secondo gli scienziati quest'anno le emissioni globali prodotte dalle attività umane raggiungeranno 41 miliardi di tonnellate, a causa dell'atteso aumento del 2% nell'uso di combustibili fossili.

Il ritorno alla crescita della CO2 "una delusione", afferma Corinne Le Qur, direttrice del Tyndall Centre for Climate Change Research dell'ateneo britannico dell'East Anglia, autrice principale dello studio. Così, aggiunge, si rischia di non fare in tempo "a mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 gradi centigradi, figurarsi entro il grado e mezzo". Insomma gli obiettivi dell'accordo di Parigi rischiano di allontanarsi.

Delle emissioni globali la quota maggiore è appannaggio della Cina (nel 2016 ne ha prodotto il 28%), indicata dai ricercatori come il principale imputato del ritorno alla crescita della CO2. Rispetto all'ultimo triennio il Paese si prepara a fare retromarcia: per il 2017 le sue emissioni dovrebbero aumentare del 3,5%. Il secondo emettitore al mondo sono gli Stati Uniti,col 15%. Per il Paese a stelle e strisce, dove il presidente Donald Trump sta smantellando le politiche "verdi" del predecessore Obama, gli analisti si dicono comunque cautamente ottimisti. La transizione dal carbone alle energie verdi dovrebbe continuare, scrivono.

L'Ue è sul terzo gradino del podio: nel 2016 ha prodotto il 10% delle emissioni globali.L'India è quarta col 7%: nell'ultimo decennio le sue emissionisono aumentate del 6%. Per il 2017 dovrebbero rallentare. Il rapporto contiene anche qualche buona notizia, come il calo della CO2 in presenza di economia in crescita nel decennio 2007-2016 in 22 Paesi che rappresentano il 20% delle emissioni globali (tra cui Usa, Francia, Germania, Regno Unito) e la corsa delle rinnovabili (vento e sole) al ritmo del 14% l'anno.

Al Gore: treno Parigi partito e Usa sono a bordo
L'ex vice presidente degli Usa, AlGore, a Bonn, ha affermato che negli Usa la protezione dell'ambiente sta facendo progressi sia al livello federale sia al livello di amministrazione comunale, nonostante Donald Trump. A proposito dell'accordo di Parigi, ha detto: "Il treno è già partito". E gli Usa, come molte altre nazioni, lo hanno già preso. "Gli Usa ci stanno ancora", ha spiegato Gore.    "Non siamo tanto lontani da una coalizione di lavoro al Senato e alla Camera", ha continuato, a margine dei lavori dellaconferenza mondiale sul Clima dell'Onu, parlando alla tv pubblica Phoenix. Democratici e repubblicani sarebbero vicini ad un accordo sui temi dell'ambiente. "La cosa impressionante è che migliaia di imprese si lamentano dell'andamento del governo - ha concluso - e si impegnano da sole per arrivare al 100% di energie rinnovabili".
Condividi