Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Congresso-pronto-a-fermare-Trump-sull-Iran-teme-una-possibile-guerra-fecb5485-dd66-47c3-b29c-1f51ff7501fa.html | rainews/live/ | true
MONDO

Attacco alle petroliere

Crisi del Golfo: ​Congresso Usa pronto a fermare Trump sull'Iran, teme una possibile guerra

Democratici e repubblicani serrano le fila e studiano mosse, dal blocco della vendita delle armi al divieto dell'uso di fondi federali. Teheran convoca l'ambasciatore britannico

Condividi

Il Congresso studia il modo per fermare Donald Trump sull'Iran. Il presidente Usa ha accusato Teheran dell'esplosione a bordo di due petroliere nel golfo dell'Oman, paventando anche la possibilità di un intervento armato. Temendo la possibilità che il tycoon stia spianando la strada a una guerra, democratici e repubblicani serrano le fila per limitare l'autorità del presidente, ipotizzando un blocco della vendita di armi ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, ma anche vietando l'uso di fondi federali per operazioni militari contro Teheran senza previa autorizzazione del Congresso.

L'Iran cerca di uscire dall'accerchiamento e convoca l'ambasciatore britannico
L'Iran tenta di uscire dall'accerchiamento, nel pieno della crisi nel Golfo dell'Oman, e convoca l'ambasciatore britannico per respingere le accuse di aver attaccato le due petroliere. Ma nel frattempo i sauditi, acerrimi nemici di Teheran, premono per una "risposta rapida e decisiva", evocando i rischi di un rallentamento delle forniture di petrolio.

Non ci sono soltanto gli Stati Uniti in prima fila nell'attribuire all'Iran l'attacco dei giorni scorsi, in cui sono rimaste coinvolte due navi cargo norvegesi e giapponesi. Il governo britannico ha spiegato che, in base alle sue valutazioni, la responsabilità di Teheran appare "quasi certa", nella considerazione che nessun altro avrebbe potuto compiere tale atto. Abbastanza da provocare uno strappo diplomatico:Teheran ha convocato l'ambasciatore britannico rinfacciando a Londra proprio di essere l'unica a sostenere la tesi americana.

La monarchia saudita preme per "una risposta rapida e decisiva"
Non c'è soltanto l'Occidente in fibrillazione. La monarchia saudita, che si contende il primato in Medio Oriente con l'Iran sciita, vorrebbe che si passasse all'azione. Il ministro dell'energia ha invocato "un risposta rapida e decisiva alle minacce alle forniture energetiche, alla stabilità dei mercati e alla fiducia dei consumatori che sono state poste dai recenti atti terroristici nel Mare Arabico e nel Golfo Arabo". Alcune compagnie di navigazione internazionali, in effetti, hanno iniziato ad evitare il passaggio nello Stretto di Hormuz. A fare fronte comune con i sauditi contro Teheran ci sono gli Emirati Arabi, che di recente hanno subito degli attacchi analoghi a quattro delle loro petroliere. Ed anche in quel caso, secondo il governo dell'emirato, si è trattato di attacchi realizzati con capacità che "non sono a disposizione di gruppi illegali, ma al contrario processi disciplinati effettuati da uno stato". Anche se, è stato ammesso, "fino ad ora le prove sono insufficienti per accusare un paese in particolare".

Per gli Usa le prove contro Teheran ci sono
Per gli Stati Uniti, che per primi hanno puntato il dito contro Teheran, le prove ci sono, e sarebbero contenute nel video diffuso dal Pentagono in cui viene descritto l'avvicinamento di un'imbarcazione di pasdaran alla petroliera giapponese rimuovendo una mina inesplosa dallo scafo, per non lasciare tracce. Secondo funzionari americani, inoltre, l'Iran avrebbe sparato a un drone Usa prima di colpire le petroliere.

Condividi