Torna su
ECONOMIA

Per i single fare la spesa costa il 60 % in più

Coldiretti: un italiano su tre vive da solo, + 41% in dieci anni

Negli ultimi dieci anni le famiglie composte da una sola persona sono aumentate del 41 % e oggi rappresentano il 31 % del totale delle famiglie italiane. Un fenomeno in continua crescita, determinato soprattutto dall'invecchiamento della popolazione, che ha importanti ricadute economiche

Roma Quasi un italiano su tre vive da solo (31 per cento). Le famiglie composte da un unico componente sono salite a quasi 7,7 milioni, con un aumento record del 41 per cento in dieci anni. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dell'ultimo censimento Istat sulla popolazione e famiglie in Italia.

"In Italia sono passate da 5.427.621 (24,9 per cento del totale) a 7.667.305 (31,2 per cento del totale) le cosiddette famiglie unipersonali per effetto - sottolinea la Coldiretti - dei profondi mutamenti demografici e sociali che si sono verificati".

Maggior numero di single in Liguria, Friuli e Valle d'Aosta
"La tendenza all'aumento si osserva su tutto il territorio italiano - precisa la Coldiretti - ma le percentuali più elevate di single si registrano in Liguria (40,9 per cento), Valle d'Aosta (39,6 per cento) e Friuli-Venezia Giulia (35,6 per cento), mentre  percentuali più basse del valore nazionale si hanno per quasi tutte le regioni del Meridione, secondo l'analisi relativa al periodo 2001-2011. "Con il maggior numero di italiani che vivono da soli si è verificata una forte crescita del numero di unità familiari presenti in Italia che solo salite a 24.611.766, con un aumento dell'11,5 per cento in dieci anni". "Il cambiamento della struttura familiare influenza profondamente i bisogni e i comportamenti socioeconomici degli italiani".

Fare la spesa per i single costa di più
Vivere da soli è più costoso: i single in Italia spendono per gli acquisti alimentari oltre il 60 per cento in più rispetto alla media delle famiglie italiane. Secondo l'analisi di Coldiretti si evidenzia che la spesa media per alimentari e bevande di un single è di 332 euro al mese mentre ogni componente di una famiglia tipo di 2/3 persone ne spende 204. "I motivi della maggiore incidenza della spesa sono certamente da ricercare - continua la Coldiretti - nella necessità per i single di acquistare spesso maggiori quantità di cibo per la mancanza di formati adeguati che comunque anche quando sono disponibili risultano molto più cari di quelli tradizionali".

L'invecchiamento della popolazione
A far aumentare le famiglie unipersonali è stato soprattutto l'invecchiamento della popolazione con un crescente numero di persone anziane che vivono sole. E' proprio in questa fascia che si concentra il maggior disagio sociale. In Italia nel 2013 ci sono stati ben 578.583 over 65 anni di età (+14% rispetto al 2012) che sono dovuti ricorrere ad aiuti alimentari facendo la fila davanti alle mense o alle associazioni caritatevoli o chiedendo in aiuto pacchi alimentari. Per chi invece ha disponibilità economiche il problema è spesso quello della solitudine. Non è un caso che l'85 per cento degli italiani continua a fare la spesa alimentare quotidiana sottocasa, frequentemente nei piccoli e spesso antieconomici negozi di quartiere che svolgono un rilevante ruolo sociale nei confronti dei cittadini. Secondo il rapporto Coldiretti proprio la spesa è l'attività svolta dal maggior numero di persone nel raggio di 15-20 minuti a piedi dalla propria residenza.

La solitudine
Il desiderio di costruire rapporti umani e di condividere paure, desideri e speranze sono più importanti del conto economico per un grande numero di cittadini. Il crescente desiderio di fare comunità è avvertito soprattutto dalle persone che vivono sole. Il momento di fare la spesa secondo Coldiretti/Censis è quello più importante per parlare e stringere rapporti all'interno del Paese o del quartiere e supera addirittura le attività spirituali (il 76,6 per cento), la visita medica (71,6 per cento), la scuola per i figli o i nipoti (65,2 per cento) e la cura del corpo (dalle palestre alle piscine ai parchi per fare jogging) con il 54,2 per cento).  Un fenomeno di riduzione significativa dei negozi tradizionali determina quindi anche evidenti effetti negativi legati alla riduzione dei servizi di prossimità, ma anche un indebolimento del sistema relazionale, dell'intelaiatura sociale e spesso anche della stessa sicurezza sociale dei centri urbani.

A contrastare lo spopolamento dei centri urbani va segnalata la crescente presenza di mercati degli agricoltori e di Botteghe di Campagna Amica dove si crea un rapporto di confidenza e fiducia tra produttori e cittadini, fondato su uno scambio reale di prodotti e di esperienze. "Una opportunità per i produttori e per i consumatori che - conclude la Coldiretti  - va anche a sostegno della storia, della cultura e della vivibilità dei centri urbani".


 
Condividi