Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ContentItem-b48ce087-fad9-4024-8e6a-02e8ced86bf3.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Letteratura

Sherlock Holmes liberato dal copyright

Un giudice dell'Illinois ha stabilito che gli scrittori che intendano 'scritturare' il detective più famoso del mondo potranno farlo senza pagare i diritti d'autore

Un attore interpreta Sherlock Holmes (Getty Images)
Condividi
Springfield Elementare: a 125 dalla sua prima apparizione, il personaggio di Sherlock Holmes diventa di "proprietà pubblica" negli Stati Uniti. Un giudice dell'Illinois ha infatti stabilito gli scrittori che intendano 'scritturare' il detective più famoso al mondo - che fece la sua prima comparsa nel 1887 - potranno farlo senza versare diritti d'autore agli eredi del suo creatore, lo scrittore britannico Arthur Conan Doyle.  

I personaggi da scritturare 
Secondo il giudice federale Ruben Castillo, Holmes, il suo amico Watson, il numero 221b di Baker Street, l'ignobile professore Moriarty e altri elementi caratteristici di una cinquantina di lavori di Arthur Conan Doyle pubblicati prima del primo gennaio 1923 non sono più coperti dai diritti d'autore negli Stati Uniti. Il giudice Castillo ha però anche stabilito che alcuni elementi inseriti nei racconti pubblicati dopo il 1923 rimangono protetti dai diritti d'autore. 

La causa civile
La decisione del giudice, come riferisce il New York Times, fa seguito a una causa civile avviata da un editore, Leslie Klinger, che intende pubblicare una serie di libri sul grande detective scritti da diversi autori. "Sherlock Holmes appartiene al mondo, e questa decisione lo afferma in maniera chiara", ha commentato con soddisfazione Klinger, secondo cui "la gente vuole celebrare Holmes e Watson e ora può farlo senza paura.

I film e le serie tv
Icona della letteratura, per Sherlock Holmes erano passati già da tempo i limiti concessi ai diritti di pubblicazione ed è stato tenuto in vita da una lunga serie di di film, come quelli interpretati da Robert Downey Jr., dalla serie televisiva ''Sherlock'' della BBC e da altri romanzi firmati da autori contemporanei. Ma un cavillo delle leggi sul copyright americane avevano consentito ai discendenti di Conan Doyle di mantenere la proprieta' intellettuale dei racconti di Holmes negli Stati Uniti, bloccando la distribuzione di un libro di storie brevi originali.
Condividi