Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coppia-aggredita-Arrestato-colombiano-mi-ero-drogato-ricordo-solo-la-rapina-0d0b2f07-fd4e-409d-8959-bcef69b720ae.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Coppia aggredita a Milano, arrestato colombiano: "Mi ero drogato, ricordo solo la rapina"

Così l'uomo arrestato a Milano per l'aggressione a una coppia. La Procura parla di violenza inaudita

Condividi
"Mi ricordo solo la rapina, non la violenza". Alle due di notte, F.L.V, colombiano, 24 anni, riposa su una panchina in un piccolo parco vicino all'Ortomercato quando si avvicinano i carabinieri per fermarlo con l'accusa di avere rapinato lunedì sera una coppia di studenti 'appartata' in auto e violentato la ragazza tra via Peressuti e via Chopin, nella zona sud di Milano, non molto lontano da dove lo trovano.  Docile con chi lo ammanetta, giustifica l'amnesia in modo assurdo: "Prima della rapina avevo preso dei funghi allucinogeni raccolti nel parco".

Secondo la ricostruzione degli investigatori, il violentatore sarebbe fuggito a bordo della Fiat Punto rubata alla coppia e poi geolocalizzata vicino all'Ortomercato, portando con sé anche il cellulare, in un primo momento spento e poi riacceso, Una mossa che ha reso facile scovarlo. 

Si era cambiato, ma nell'appartamento in cui aveva dormito, a casa della sorella, sono stati trovati il cappellino, gli anelli, la felpa col catarifrangente e i pantaloni descritti con precisione dalle vittime oltre alla pistola giocattolo, gettata in una fioriera, con cui li aveva minacciati. I due studenti lo hanno riconosciuto nelle fotografie e, in particolare, la ragazza non ha avuto esitazioni quando ha visto alcune foto postate su Facebook in cui appariva col cappellino.

Irregolare, predenti per minacce e porto di coltello, il ragazzo viene descritto dagli inquirenti come un "senza fissa dimora, che non ha mai lavorato e a volte viene ospitato dalla sorella". Ora verrà interrogato dal gip perché il pm Gaglio, titolare dell'inchiesta assieme all'aggiunto Maria Letizia Mannella, ha chiesto la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere per il pericolo che fugga in Colombia, dai parenti. "Tutti noi siamo feriti da questa violenza assolutamente gratuita, è una ferita per tutta la città di Milano", ha detto Mannella, esprimendo la sua gratitudine per i carabinieri. 
Condividi