Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Europa-La-Francia-verso-licenziamenti-e-chiusure-In-Germania-scende-numero-dei-contagi-d9d657a3-864a-4763-a421-49a7fc930f48.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Covid-19

Gb: da 8 giugno quarantena per chi arriva. Francia minaccia reciprocità

Parigi (AP Photo/Michel Euler)
Condividi
In Germania continua a scendere il numero dei contagi e dei decessi causati dal Covid-19. In base ai dati diffusi dal Robert Kock Institute, in 24 ore sono stati registrati 460 nuovi casi della malattia a un totale di 177.212 e 27  decessi, che fanno salire le vittime dall'inizio dell'epidemia a 8.174. Ieri sono stati notificati 745 nuovi contagi e 57 decessi, con un tasso di letalità del 4,6% e un indice di contagio dello 0,92.

Gb, da 8 giugno quarantena per chi arriva
Dall'8 giugno quarantena obbligatoria per tutti coloro che entrano nel Regno Unito. La misura è stata annunciata formalmente dal ministro del'Interno, Priti Patel, in conferenza stampa a Downing Street, come riporta Sky News. Il governo l'aveva ampiamente anticipata, suscitando diverse critiche soprattutto nel settore dell'aviazione civile. Patel ha spiegato che i nuovi arrivi possono "potenzialmente causare una seconda ondata" dell'epidemia. "Con misure del genere", ha aggiunto, "possiamo salvare più vite". Intanto, il Regno Unito ha ufficializzato altre 351 vittime per il coronavirus nelle ultime 24 ore e il numero totale è aumentato a 36.393. Il bilancio complessivo dei casi nel Regno Unito è ora di 254.195, un aumento di 3.287 rispetto al giorno precedente.

Francia minaccia reciprocità
La Francia "deplora" la decisione sulla quarantena di 14 giorni adottata dalla Gran Bretagna nei confronti dei viaggiatori provenienti dall'estero e si "tiene pronta" ad adottare "misure di reciprocità" non appena il dispositivo britannico entrerà in vigore: è quanto afferma il ministro dell'Interno di Parigi in una dichiarazione all'agenzia France Presse.

La crisi sanitaria legata al coronavirus dovrebbe portare a "fallimenti" e "licenziamenti" in Francia "nei prossimi mesi". Lo ha detto il Ministro dell'Economia Bruno Le Maire in un'intervista alla radio Europa 1. "Molti settori sono stati duramente colpiti" dalla crisi e "anche se l'economia si sta riprendendo, non tutti i comparti lo stanno facendo allo stesso ritmo", ha spiegato il ministro.     

In questo contesto, il governo prevede di ridurre la copertura della disoccupazione parziale "in modo da incoraggiare il ritorno all'attività, poiché questo è ciò che in definitiva ci permetterà di creare posti di lavoro e di creare prosperità", ha proseguito Le Maire aggiungendo: "Dobbiamo incoraggiare la ripresa dell'attività, non è una situazione normale che lo Stato si faccia carico del 100% degli stipendi".     

Secondo una stima del Ministero del Lavoro, il numero totale di richieste di autorizzazione per il lavoro a orario ridotto dal 1 marzo ha raggiunto i 12,7 milioni, mentre 8,6 milioni di dipendenti avrebbero beneficiato del regime, che ha impedito un'esplosione della disoccupazione in Francia, la cui economia è stata duramente colpita dal coronavirus.     

La cancellazione del lavoro a orario ridotto comporterà licenziamenti, ha avvertito mercoledì Asselin, presidente della Confederazione delle Piccole e Medie Imprese (CPME), che chiede allo Stato di attendere fino a settembre prima di qualsiasi riduzione "significativa" della sua copertura. Ma il governo sarebbe intenzionato a non andare oltre giugno. 

La Svezia ha ufficializzato altre 54 vittime a causa del coronavirus, cifra che porta il totale nel Paese a 3.925. Secondo gli ultimi dati dell'agenzia sanitaria pubblica svedese, altre 637
persone sono risultate positive al Covid-19; nel complesso la Svezia ha registrato 32.809 casi, con 4.971 guarigioni.

La Croazia entro la fine di maggio consentirà il libero ingresso ai viaggiatori provenienti da Austria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria. Lo ha annunciato oggi il ministro del Turismo croato, Gari Cappelli, nel presentare anche il sistema online che consentirà un rapido attraversamento della frontiera mediante notifica. "Gli ospiti non dovranno attendere al confine ma potranno attraversarlo in pochi secondi compilando in anticipo l'applicazione online 'Permessi di viaggio'", ha spiegato Cappelli.
Condividi