Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-a-Miami-scatta-il-coprifuoco-cd317c04-4a19-4b68-a6af-b70b33b8c6fe.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La lotta all'epidemia

Coronavirus, a Miami scatta il coprifuoco notturno

Dalle 22 alle 5. La tetra previsione di De Blasio: metà New York sarà contagiata prima che il coronavirus faccia il suo corso naturale. Il Senato Usa ha approvato intanto all'unanimità il maxi piano di aiuti da oltre 2.000 miliardi di dollari 

Condividi

La città di Miami vara il coprifuoco per tentare di fermare la corsa dei contagi da coronavirus. Sarà in vigore dalle 22 alle 5 del mattino.

Le uniche eccezioni per chi va o torna dal lavoro, per le emergenze mediche e per portare a spasso il cane entro cento metri da casa. Decisione presa dal consiglio cittadino con un voto unanime.

De Blasio: metà New York sarà contagiata
La metà dei newyorkesi, circa 4 milioni di persone, sarà contagiata prima che il coronavirus faccia il suo corso naturale. E' la tetra previsione del sindaco Bill de Blasio, alla luce degli ultimi dati sui decessi e suicontagi. "E' plausibile - ha detto de Blasio - ed è moltopreoccupante, ma dobbiamo iniziare a dire la verità". Secondol'assessore alla sanità della Grande Mela, Oxiris Barbot,l'epidemia potrebbe cominciare a rallentare a settembre.

Il Senato americano ha approvato intanto all'unanimità il maxi piano di aiuti da oltre 2.000 miliardi di dollari per contrastare l'impatto economico che avrà il coronavirus. Si tratta di un piano storico supportato dal presidente Donald Trump e sostenuto da tutti i democratici e repubblicani presenti in Aula (96 voti favorevoli e 0 voti contrari).

Tra gli stimoli  ci sono assegni diretti a tutti gli americani con pagamenti da 1.200 dollari a testa per la maggior parte degli adulti e 500 dollari per ogni bambino.

Condividi