Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Costa-Concordia-via-libera-del-governo-Sara-smantellata-a-Genova-4a22ccac-5b7e-41ce-b1fb-123d1f660f86.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il ministro dell'Ambiente: "Ora vigiliamo per massima tutela"

Costa Concordia, via libera del governo: "Sarà smantellata a Genova"

Il Consiglio dei ministri approva il documento della Conferenza dei servizi. L'annuncio dato direttamente dal premier Matteo Renzi. Il governatore della Liguria: "Fatto un bel lavoro". Rabbia a Piombino, le Rsu Fiom: "Questo non è un Paese normale"

 

Il relitto della Costa Concordia
Condividi
Roma La Costa Concordia andrà a Genova. Il Consiglio dei ministri ha approvato il "Progetto di trasferimento e smaltimento" presentato nei giorni scorsi da Costa Crociere. L'annuncio è stato dato dal premier Matteo Renzi al termine del Cdm: salta dunque definitivamente l'ipotesi di portare il relitto in Toscana.

L'annuncio di Renzi
"Il Consiglio dei ministri ha approvato il documento della Conferenza dei servizi sullo smaltimento della Concordia - ha detto Renzi - Questo avverrà a Genova". Il presidente del Consiglio non ha dimenticato l'acceso derby tra porti che si è sviluppato negli ultimi mesi, con il governatore della Toscana Enrico Rossi in prima fila per sostenere Piombino, ma ha scelto di sottolineare soprattutto un altro aspetto. "Credo che la discussione politica che c'è stata nelle ultime ore non può mascherare o cancellare quello che è accaduto - ha detto Renzi- e cioè che nei tempi previsti questa nave verrà smaltita in Italia".

Entusiasmo a Genova
Grande soddisfazione ovviamente a Genova. Tra i primi ad applaudire la decisione ci sono il sindaco, Andrea Doria, e il governatore della Liguria, Claudio Burlando. "Abbiamo fatto un bel lavoro come cluster portuale, marittimo e industriale - ha dichiarato il presidente della regione - Mi pare che le istituzioni si siano mosse come un sol uomo e che questo abbia consentito in un clima molto aspro e difficile di portare a casa un risultato importante. È la dimostrazione che quando facciamo
invece di parlare possiamo vincere qualche battaglia".

Rabbia a Piombino
Delusione e rabbia a Piombino, che sperava ancora di vedersi assegnare lo smaltimento del relitto. "Speravamo fino all'ultimo si potesse esaminare la nostra proposta che sicuramente era meno pericolosa", ha dichiarato a caldo il sindaco Massimo Giuliani, aggiungendo di considerare la soluzione del porto in provincia di Livorno "più idonea rispetto a Genova". "Questo non è un Paese
normale", ha rincarato la dose Mirko Lami delle Rsu Fiom Lucchini. "Una scelta in cui non prevale la logica perché se ci fosse stata logica un relitto in quelle condizioni non si rischia di portarlo in un porto lontano, ma nel porto più vicino". 

Il tweet del ministro dell'Ambiente
Il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, ha rilanciato la notizia attraverso il suo account Twitter e ha aggiunto che la "soluzione italiana premia nostro impegno, ora vigiliamo per massima tutela ambiente".


Condividi