FOOD

20 e 21 febbraio al Capitol Club di Roma

Culinaria e il "Manifesto della Cucina futurista"

L'appuntamento che ogni anno riunisce nella Capitale il gotha dell’enogastronomia - organizzato da  Francesco Maria Pesce e Fabrizio Darini - torna con spettacoli culinari d'avanguardia ispirati al Futurismo

Condividi
di Paola CutiniRoma Le idee base della cucina futurista, cardine della cucina moderna, sono i temi che si affrontano nella decima edizione di "Culinaria - Il gusto dell'Identità”. A 85 anni dal lancio del  “Manifesto della Cucina Futurista”, infatti, gli chef internazionali riuniti per l’evento di sabato 20 e domenica 21 febbraio ripropongono il concetto di “Cibosofia” in cui odore, sapore, colore e forma si fondono in ricette eccentriche, visionarie e all’avanguardia, per portare un nuovo ottimismo a tavola.

La cucina futurista
Culinaria, quindi quest’anno ripercorre i concetti della cucina futurista: dall’abolizione del volume e del peso al diverso modo di concepire il nutrimento, dalla sostituzione delle tradizionali miscele per sperimentarne di nuove al rifiuto del ‘quotidianismo mediocrista’ nei piaceri del palato. Del resto, come sosteneva il fondatore del movimento futurista Filippo Tommaso Marinetti, si dovrebbe “mangiare con arte per agire con arte”.

Da Massimo Bottura a Cristina Bowerman
A interrogarsi sulla cucina futurista ci sono Massimo Bottura, Atsushi Tanaka, Cristina Bowerman, Giovanni Passerini e Yoji Tokuyoshi, solo per fare qualche nome. Gli chef si alternano per sul palco del Capitol Club per realizzare spettacoli culinari d’avanguardia, tra le tendenze creative e le nuove  frontiere enogastronomiche giocando con le consistenze e sperimentando nuove tecniche, senza però dimenticare la tradizione. Perché alla base della cucina futurista resta la tradizione della tavola intesa come convivialità e consolidamento delle relazioni.

"Culinaria per Leo" e la "Campagna Vite Coraggiose"
Una parte importante dell’evento è dedicata anche alla solidarietà. Con l’iniziativa "Culinaria per Leo”, dedicata al bimbo di 7 anni che ha lottato contro un medulloblastoma, anche se alla fine non ce l'ha fatta. I testimonial dell’inziativa benefica sono il campione olimpico di sciabola Aldo Montano e Chef Rubio. Le dottoresse Domenica Elia e Debora Rasio spiegano al pubblico l’importanza dell'alimentazione sana, insieme a Chef Rubio che presenta per l'occasione un menù basato sui principi di un’alimentazione salutare, strizzando l’occhio al Futurismo. Parte del ricavato della manifestazione sarà devoluto a "Vite Coraggiose", la campagna di comunicazione sociale e di raccolta fondi a sostegno della Ricerca Scientifica per le malattie rare dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Bere, mangiare e ballare
Tra showcooking e interventi degli chef, c’è anche la possibilitùà di mangiare e bere. Nell’area Quisimangia e nella zona Quisibeve, in puro stile futurista, si possono degustare piatti realizzati dai ristoranti presenti e bere vino, bollicine e 18 tipi diversi di birra artigianale. Poi c'è spazio per la buona musica: sabato 20 alle 21.30 si tiene il concerto jazz di Nicky Nicolai e Stefano Di Battista, "Mille Bolle Blu". Domenica la colonna sonora è curata del DJ romano  Stefano Gamma accompagnato dal sax di Michael Rosen.
Condividi