Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cyberspionaggio-Albamonte-resta-il-pm-nel-processo-ai-fratelli-Occhionero-bb05785a-a62e-4a85-933a-a5ad7f625ec9.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Presidente Associazione nazionale magistrati

Cyberspionaggio, Albamonte resta il pm nel processo ai fratelli Occhionero

Eugenio Albamonte, presidente dell'Anm, è indagato per abuso di ufficio e falso dalla procura di Perugia a seguito di un esposto presentato nel febbraio scorso da Giulio Occhionero

Condividi
Eugenio Albamonte resterà il pubblico ministero del processo in tribunale per cyberspionaggio ai fratelli Occhionero, che ne avevano sollecitato l'astensione in quanto indagato a Perugia.

A confermare la sua designazione come rappresentante della pubblica accusa è stato il capo dell'Ufficio, Giuseppe Pignatone, secondo il quale, facendo riferimento a una giurisprudenza consolidata, "non può confondersi l'inimicizia fra magistrato e parte con le iniziative di quest'ultima, tesa a sottrarsi al proprio giudice naturale; l'inimicizia deve trovare fondamento in rapporti personali svolti in precedenza e fuori del processo".

A parere di Pignatone, dall'istruttoria "risulta che l'imputato Giulio Occhionero, nel corso delle indagini a suo carico e prima di avere accesso agli atti del procedimento, aveva già manifestato l'intenzione di presentare un esposto contro Albamonte alla Procura di Perugia", come emerge da una conversazione intercettata il 18 novembre del 2016.

Da altri colloqui intercettati in quello stesso periodo - ha ricordato Pignatone in una nota sarà trasmessa domani al giudice del dibattimento Antonella Bencivinni - "risulta che Occhionero, avendo appreso la falsa notizia dell'imminente trasferimento di Albamonte ad altro incarico, esprimeva soddisfazione per il fatto che lo stesso (che da anni si occupa di cyberspionaggio e reati informatici, ndr) non si sarebbe più occupato delle indagini a suo carico".   

Pg Roma: condivisa decisione su pm Albamonte
"Il provvedimento con il quale il Procuratore della Repubblica non ha accolto la disponibilità ad astenersi da parte del pm Eugenio Albamonte è pienamente condiviso". E' quanto fa sapere, attraverso una nota, il Procuratore Generale presso la Corte d'appello di Roma, Giovanni Salvi. "La Procura Generale - si legge ancora - è stata costantemente informata dalla Procura di Roma circa il procedimento a carico di Giulio Occhionero e altri". 

L'esposto di Giulio Occhionero contro Albamonte
Eugenio Albamonte, presidente dell'Anm, è indagato per abuso di ufficio e falso dalla procura di Perugia a seguito di un esposto presentato nel febbraio scorso da Giulio Occhionero, l'ingegnere nucleare imputato con la sorella con l'accusa di aver hackerato e rubato documenti, anche riservati, dalle caselle postali di decine e decine di politici ed enti.
Condividi