Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Da-Eco-alla-Ferrante-la-fiction-Rai-guarda-al-mondo-079deacb-1172-4044-95a0-f3580176182f.html | rainews/media/ | (none)
SPETTACOLO

La nuova stagione

Da "Il nome della rosa" a "L'amica geniale", la fiction Rai guarda al mondo

Film per la tv dai romanzi di Umberto Eco ed Elena Ferrante

Condividi
Il primo adattamento televisivo del capolavoro di Umberto Eco, "Il nome della rosa"; la trasposizione de "L'Amica geniale", il primo volume della quadrilogia best seller mondiale di Elena Ferrante (E/O); il nuovo capitolo del kolossal sui "Medici": dopo un 2017 dai risultati eccellenti (top ten tutta targata Rai, media primaverile del 24.2% la più alta degli ultimi 10 anni, boom di visualizzazioni su Rai Play, 101 serate in prime time su Rai1 e 12 su Rai2), forte di un budget da 176 milioni per il nuovo anno, la fiction Rai guarda sempre più ai mercati internazionali, puntando anche su biopic d'impegno e sui sequel delle serie più amate.

A 30 anni dal pluripremiato film di Jean-Jacques Annaud (1986), dopo una lunga gestazione IL NOME DELLA ROSA si appresta a diventare una serie in otto episodi, prodotti da Matteo Levi (11 marzo) e Carlo Degli Esposti (Palomar), con John Turturro nei panni (che furono di Sean Connery) del monaco detective Guglielmo da Baskerville e Rupert Everett nel ruolo di Bernardo Gui (F. Murray Abraham). Adso da Melk, il novizio che nel film era Christian Slater, nella serie tv avrà il volto del diciottenne attore tedesco Damien Hardung. Alla regia Giacomo Battiato, primo ciak atteso a gennaio a Cinecittà.

Altrettanto ambizioso il progetto legato a L'AMICA GENIALE: una serie originale Hbo-Rai, prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e Domenico Procacci per Fandango. Dietro la macchina da presa Saverio Costanzo, distributore internazionale Fremantle Media International, per raccontare la storia dell'amicizia tra Lila e Lenù che inizia nella Napoli degli anni '50.

Con la Lux Vide proseguirà invece la proficua collaborazione sulla saga dei MEDICI, con la storia di Lorenzo il Magnifico (Daniel Sharman) la cui prima parte andrà in onda in autunno, la seconda nel 2019. Rai Fiction racconterà grandi personaggi come in E' COSI' LIEVE IL TUO BACIO SULLA FRONTE. ROCCO CHINNICI (dal libro della figlia del giudice ucciso dalla mafia nel 1983, Caterina Chinnici, con Sergio Castellitto e Cristiana Dall'Anna, Michele Soavi regista e Luca Barbareschi produttore, in onda il 23 gennaio), Giuseppe Fava (PRIMA CHE LA NOTTE, dal libro del figlio Claudio Fava e Michele Gambino, con Fabrizio Gifuni diretto da Daniele Vicari) o il poeta della canzone italiana, Faber (FABRIZIO DE ANDRE' - PRINCIPE LIBERO, con Luca Marinelli, atteso il 13 e 14 febbraio).

E ancora la ricostruzione in Abruzzo, dopo il terremoto del 6 aprile 2009, vista con gli occhi dei giovani che si riappropriano della zona rossa (L'AQUILA GRANDI SPERANZE di Marco Risi, nel cast Giorgio Marchesi, Donatella Finocchiaro, Giorgio Tirabassi, Valentina Lodovini, Luca Barbareschi, Francesca Inaudi, Enrico Ianniello e Carlotta Natoli).

Torneranno le serie più amate, su tutte MONTALBANO (Amore e La giostra degli scambi), ma da un classico di Andrea Camilleri arriverà anche LA MOSSA DEL CAVALLO, ambientata nella Sicilia di fine '800 in atmosfere alla Sergio Leone, diretta da Gianluca Maria Tavarelli e prodotta sempre da Palomar.

Oltre al longevo DON MATTEO (all'11a stagione), che l'11 gennaio apre il 2018 insieme con ROMANZO FAMIGLIARE di Francesca Archibugi (dall'8 gennaio), tra i sequel si segnalano anche E' ARRIVATA LAFELICITA', LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE, I BASTARDI DIPIZZOFALCONE, UNA PALLOTTOLA NEL CUORE, QUESTO NOSTRO AMORE '80 con Anna Valle e Neri Marcorè, TUTTO PUO' SUCCEDERE, mentre Ivan Cotroneo si misurerà con LA COMPAGNIA DEL CIGNO, che racconta di un gruppo di ragazzi che frequentano il conservatorio Giuseppe Verdi di Milano mettendo al centro il tema del talento e della disciplina necessaria per coltivarlo (Indigo Film).

Spunti di attualità per CARLO & MALIK, diretta da Marco Pontecorvo e prodotta da Cattleya, con Claudio Amendola poliziotto di mezza età alle prese con un collega di colore, che racconterà una storia di diversità e intolleranza nella Roma di oggi. Ma anche per IN PUNTA DI PIEDI di Alessandro D'Alatri, storia di una ragazza figlia di un camorrista che la passione per la danza sottrarrà al mondo della criminalità (con Cristiana Dell'Anna e Bianca Guaccero).

Potrebbe debuttare invece in autunno IL PARADISO DELLE SIGNORE in formato daily da 45 minuti. Su Rai2 ecco il ritorno di ROCCO SCHIAVONE con Marco Giallini, mentre Francesco Montanari sarà IL CACCIATORE, liberamente ispirato al libro di Alfonso Sabella, uno dei magistrati del pool antimafia dopo le stragi di Capaci e Via d'Amelio. Su Rai3 il 13 gennaio arriva la dramedy LA LINEA VERTICALE, storie di vita quotidiana in un reparto di urologia oncologica a Napoli. I TOPI riporterà Antonio Albanese sulla terza rete: sei episodi da 30 minuti sul filo dell'ironia, ambientati nella villa bunker dove è costretto a vivere un boss. Tra i progetti seriali allo studio, Pantarei, una storia sulla scuola raccontata in modo nuovo e stimolante, protagonista un professore di filosofia; l'affascinante e ombroso Commissario Ricciardi ispirato ai romanzi di Maurizio de Giovanni; Nessuno è perfetto, storie di lavoro di amore di due ragazzi down che affrontano la vita con romanticismo e spavalderia.
Condividi