SCIENZA

Paleontologia

Dal Giurassico riemerge il coccodrillo con denti da T.rex

A tracciarne per la prima volta l'identikit un gruppo di paleontologi italiani e francesi, guidato da Cristiano Dal Sasso del Museo di Storia Naturale di Milano

Condividi
Lungo sette metri e pesante una tonnellata, con un cranio alto e massiccio dotato di robuste mascelle armate di enormi denti seghettati, pronti a triturare ossa e tendini: ecco 'Razana', il temibile coccodrillo giurassico con il morso da T. rex, vissuto 170 milioni di anni fa nella parte meridionale del supercontinente Gondwana, corrispondente all'attuale Madagascar.

A tracciarne per la prima volta l'identikit e' uno studio pubblicato su Peer J da un gruppo di paleontologi italiani e francesi, guidato da Cristiano Dal Sasso del Museo di Storia Naturale di Milano. Con l'ausilio della tac e della stampa 3D, i ricercatori hanno analizzato alcuni resti dell'animale ritrovati negli anni Settanta in Madagascar e oggi conservati in Francia, al Museo di storia naturale di Tolosa, e in quello di Milano. "Gia' nel 2006 avevamo ipotizzato l'esistenza di questa nuova specie - spiega Dal Sasso - ma ancora non eravamo in grado di dire se si trattasse di un coccodrillo o di un dinosauro". A risolvere il mistero sono stati i nuovi reperti giunti dalla Francia, ossa del cranio piu' complete appartenenti ad almeno due esemplari.

Ricostruiti in 3D, rivelano che Razana, sebbene fosse dotato di enormi denti seghettati da T. rex, era in realta' un 'notosuco', ovvero un coccodrillo terrestre lontano parente di quelli acquatici moderni, appartenente ad un ramo evoluto separatamente e poi estinto.
Condividi