Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Di-Maio-su-Autonomia-M5S-garante-della-coesione-nazionale-ca47886b-8a0c-48ab-a490-aebc2b3f5b76.html | rainews/live/ | true
POLITICA

"Rispettare i referendum ma non a discapito di altre parti d'Italia"

Di Maio: su Autonomia M5S garante della coesione nazionale

"Ricordiamoci che la prima area d'Italia che ha bisogno di più lavoro, sviluppo e imprese è proprio il Sud". Sull'accordo con la Cina il vicepremier e ministro dello Sviluppo dice: "Tante partnership e occasioni di lavoro per le nostre aziende che significa portare il 'Made in Italy' nel mondo"

Condividi
"Il M5s sarà in questo governo il garante della coesione nazionale. Si devono rispettare i referendum che hanno portato avanti i cittadini delle regioni che chiedono autonomia ma non a discapito di altre parti d'Italia o della coesione nazionale". Lo ha detto a Matera il vicepremier Luigi Di Maio: "E' per questo che tutto il processo deve essere fatto in maniera seria", ma - ha sottolineato -"ricordiamoci che la prima area d'Italia che ha bisogno di più lavoro, sviluppo e imprese è proprio il Sud".

Via della Seta, colonizzazione del made in Italy nel mondo
"Tutti dicono che c'è il pericolo di colonizzazione: qui l'unica colonizzazione a cui dobbiamo ambire è quella del made in Italy nel mondo. E' il made in Italy che deve colonizzare il mondo con la sua bellezza e la sua capacità". Così il vicepremier Luigi Di Maio commenta le polemiche sull'accordo commerciale con la Cina, che anche il ministro dell'Interno e vicepremier leghista Matteo Salvini ha definito "migliorabile".
Con questo memorandum - ha aggiunto Di Maio - si comincia a prendere i prodotti italiani e a portarli in Cina: per questo sono contento che da stamattina ci sia totale accordo nel governo. E sono contento che anche il Quirinale abbia manifestato assenso".  Di Maio ha aggiunto che "quando verrà qui il presidente cinese e firmerò la Via della Seta, in quegli stessi giorni firmiamo degli accordi importantissimi per le nostre piccole e medie imprese, ma anche per le nostre aziende di Stato: tante partnership e occasioni di lavoro in Cina per le nostre aziende che significa portare il 'Made in Italy' nel mondo".

Matera, suo brand è gente genuina e seria
"Il 'brand Basilicata' fatto  di gente genuina e seria e prodotti di qualità deve essere conosciuto ovunque, io dal canto mio devo impegnarmi ad attrarre nuove opportunità di lavoro e sviluppo su questo territorio ". Lo ha detto a Matera il vicepresidente del Consiglio a margine di una visita ad una azienda, nell'ambito di un tour elettorale a sostegno del candidato governatore del M5S, Antonio Mattia, alle Regionali del prossimo 24 marzo.

Lavoro, riassumere 240 leggi in un unico codice
"Essere imprenditori in Italia è da eroi, esserlo al Sud, a Matera, è da super eroi. La burocrazia può rallentare il processo produttivo ed aumentare la marginalità. La grande ambizione che ho come Ministro è riassumere le 240 leggi su lavoro e imprese in Italia in un unico codice del lavoro. I paesi diventano democratici quando le leggi sono comprensibili e ciò aiuta la crescita economica. Dobbiamo creare oggi infrastrutture fisiche e digitali", ha detto il vicepresidente del Consiglio che in tema di lavoro ha anche parlato di una proposta sul salario minimo per i lavoratori. "Credo che ieri - ha aggiunto Di Maio - abbiamo fatto un buon incontro con le parti sociali: un incontro è che solo un punto di inizio, un percorso che deve iniziare con loro e con il quale apriremo una serie di tavoli tecnici, il primo sul salario minimo".   Di Maio ha poi evidenziato che il punto di arrivo "è una legge in Parlamento che, a stretto giro, potrebbe finalmente cambiare la condizione di vita di quasi il 20% dei lavoratori italiani che in questo momento sono sottopagati, cioè - ha concluso - non sono lavoratori".

Ue, austerity non ha funzionato
"L'austerity non ha funzionato, ora l'Europa può imparare dai suoi errori; mettere in sicurezza i deboli e investire sulle imprese e vedere se, premendo tutti insieme come Europa, il Pil inizia a crescere. Dobbiamo investire - ha poi aggiunto Di Maio - sul 5g che sarà alla base dell'automazione delle imprese nei prossimi anni. Stiamo lavorando per un soggetto unico delle infrastrutture, ma anche per istituire un soggetto unico della connettività per portare autostrade digitali e fisiche".
Condividi