Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Diciotti-Di-Maio-Governo-compatto-Salvini-vada-avanti-ma-no-attacchi-a-procure-67c0e681-47b0-4751-92ba-045f9069dc6b.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Ministro dell'Interno indagato

Diciotti, Di Maio: "Governo compatto. Salvini vada avanti ma no attacchi a Pm". Renzi: doppia morale

Il vicepremier su Facebook: "Non facciamo ripiombare il Paese nello scontro tra politica e magistratura. Pieno rispetto per inchiesta pm". Conte: al momento Italia non aderisce a bilancio Ue

Condividi

"In questi giorni non è mancata la compattezza del Governo. Devo ringraziare il ministro degli esteri Moavero e il premier Conte perchè abbiamo fatto un giocodi squadra che sarà molto importante per le altre emergenze. Siamo stati compatti sulla linea da tenere, anche perchè bisognava contrattare con altri Paesi. Il Governo è stato ed è compatto sulle decisioni prese". Lo assicura il vicepremierLuigi Di Maio su Facebook.

Il ministro Salvini, ha sottolineato, vada avanti perchè non ha violato il codice etico del contratto e dei Cinquestelle. Il Governo si assume la responsabilità politica delle scelte fatte sul caso della nave Diciotti ma c'è "pieno rispetto" per l'azione della magistratura per cui non dobbiamo"attaccare" i pm che indagano. 

"Il ministro Salvini è indagato e credo che - ha spiegato Di Maio su fb - sia un atto dovuto in quanto ministro dell'Interno, in quanto titolare delle decisioni in quella materia. Come ci si comporta in questi casi? C'è il codice etico dei ministri nel nostro contratto e secondo il codice etico dei ministri e del Movimento 5s il ministro deve continuare a fare il ministro. E' nostro dovere attuare il programma elettorale ma è anche diritto-dovere della magistratura portare avanti i procedimenti giudiziari. Quindi -ha aggiunto - pieno rispetto per la magistratura e non facciamo ripiombare questo Paese negli scontri tra procure, pm e politica. Noi ci assumiamo le nostre responsabilità come governo coscienti del fatto che abbiamo fatto l'interesse nazionale e ci difenderemo per le decisioni che abbiamo preso ma non per questo adesso dobbiamo cominciare ad attaccare i pm che portano avanti il loro lavoro. Non possiamo applaudire a quei pm che arrestano un mafioso e poi a uno stesso pm porta avanti un'inchiesta diciamo che non va bene. Noi abbiamo sempre detto che le istituzioni vano rispettate".

Di Maio: Ue arrogante, Italia non abbassa la testa
"Venerdì c'è stata una riunione degli sherpa Ue, neanche si sono scomodati i rappresentanti, che hanno detto "l'Italia deve cavarsela da sola" e poi sono andati tutti al mare. Questo è stato il loro mantenere gli impegni. A questo punto abbiamo fatto da noi e l'abbiamo fatto perché è molto importante che non si dia più l'impressione che ci sia un'Italia che abbassa la testa di fronte all'arroganza della Ue". Ha concluso il vicepremier.

Indagato Salvini dalla Procura di Agrigento 
Per la vicenda della nave Diciotti è indagato il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, assieme al suo capo di gabinetto: dovrà rispondere di sequestro di persona, arresto illegale e abuso d'ufficio. Gli atti sono stati trasferiti al Tribunale dei ministri.

La reazione di Salvini
La reazione del ministro dell'Interno: "Possono arrestarmi, ma non fermeranno il cambiamento" e annuncia lo sbarco degli immigrati a bordo della Diciotti. "Gran parte dei migranti della Diciotti saranno ospitati dalla Chiesa italiana, dai vescovi che hanno aperto le porte, i cuori e il portafoglio", ha spiegato Salvini. "Alcuni immigrati vanno in Albania, il governo albanese si è dimostrato migliore di quello francese. E io dico grazie agli albanesi e vergogna ai francesi. La restante parte dei migranti andrà in uno-due altri Paesi ma la maggioranza, e ci ho lavorato personalmente mentre gli altri insultavano, sarà ospitata a cura dei vescovi della Chiesa italiana".

E poi: "Possono arrestare me ma non la voglia di 60 milioni di italiani, indaghino chi vogliono. Abbiamo già dato abbastanza, è incredibile vivere in un paese dove dieci giorni fa è crollato un ponte sotto il quale sono morte 43 persone dove non c'è un indagato e indagano un ministro che salvaguardia la sicurezza di questo Paese. E' una vergogna".

Berlusconi: vicinanza a Salvini, interferenza giudici Magistrati intervenuti su una vicenda politica 
"Esprimo la mia vicinanza a Matteo Salvini la cui assurda ed inconsistente vicenda giudiziaria, non potrà che avere un esito a Lui favorevole". Lo scrive in una nota Silvio Berlusconi sottolineando come "ancora una volta l'autorità giudiziaria è intervenuta su una vicenda esclusivamente politica su cui non dovrebbe minimamente interferire".

Conte: al momento Italia non aderisce a bilancio Ue
"L'incontro a Bruxelles in tema di immigrazione, che si è concluso con un nulla di fatto, non è una sconfitta dell'Italia ma dell'Europa". Ne è convinto il premier Conte, che informa come per l'Italia non sia possibile aderire al bilancio dell'Ue"che sottende una politica così incoerente sul piano sociale. Questo Governo - assicura - esprime una politica sull' immigrazione rigorosa e coerente, ma non abbandona persone che sono in pericolo di vita o versano in condizioni critiche".

Renzi: da Di Maio doppia morale
"Non chiediamo a DiMaio di far dimettere #Salvini "in 5 minuti". No! Noi diciamo solo a Di Maio che la sua #DoppiaMorale è una vergogna civile. E che manganellare via web gli avversari quando fa comodo non è politica, ma barbarie. Parlavano di onestà, dovrebbero scoprire la civiltà". Così l'ex segretario del Pd Matteo Renzi su Twitter.


Condividi