Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Dove-si-trova-amianto-in-Italia-1c6cbdf2-b0b7-4d7b-91c5-1475fbb9c9e7.html | rainews/live/ | true
ITALIA

"L'emergenza più grave nell'edilizia scolastica"

La mappa dell'amianto in Italia. Marche e Abruzzo le regioni più inquinate ma manca la Calabria

Nel nostro Paese sono 33.600 i siti censiti e solo 832 quelli bonificati. La Mappa del Ministero dell'Ambiente indica le Marche e il versante adriatico tra le zone con maggiore concentrazione d'amianto ma mancano i dati della Calabria e di altre Regioni

Condividi
di Roberta Rizzo Messo al bando più di 20 anni fa, precisamente con la legge 257 del 1992, l'amianto continua ad essere presente in tutte le nostre città e a far paura. Questo materiale, chiamato 'killer silenzioso' perchè respirandone le fibre ci si espone al rischio di tumori mortali come il mesotelioma, è stato largamente usato per anni, in combinazione con il cemento, in quasi ogni tipologia di costruzione. Oggi si trova in molti edifici privati e pubblici delle nostre città: dai capannoni industriali ai tetti delle abitazioni private, per arrivare ad ospedali, scuole e perfino asili nido. Ma quanto amianto c'è ancora in Italia, dove si trova e a che punto è  la bonifica di quello che ad oggi è considerato il più pericoloso e diffuso agente cancerogeno ambientale?

In Italia ci sono 33.600 siti d'amianto
I dati del Ministero dell'Ambiente, che fanno riferimento al "Piano nazionale amianto", indicano una situazione davvero allarmante e del tutto disomogenea: "In Italia sono 33.610 i siti di amianto, almeno quelli che si è riusciti a censire - come spiega Laura D'Aprile, funzionaria del Ministero dell'Ambiente - la maggior concentrazione si trova nelle Marche e nell'Abruzzo (il 50% dei dati totali, ndr) e in genere su tutto il versante adriatico. Ma il numero, già di per sè alto, preoccupa perchè non comprende i dati di una regione come la Calabria, dove da anni persiste un "black-out" di informazioni, e della Sicilia, di cui abbiamo dati solo parziali". Il calcolo dei siti potrebbe quindi crescere vertiginosamente. Anche la Campania, che sulla mappa del ministero risulta una delle regioni più "pulite", o il Lazio,  pur avendo inviato le informazioni al ministero mostra alcuni buchi rilevanti come, ad esempio, lo stabilimento ex Isochimica di Avellino o l'ex stabilimento Cemamit a Ferentino (FR) che non rientrano tra i dati censiti.

In Italia bonificati solo 800 siti su oltre 30mila
E se spaventano le concentrazioni d'amianto sul nostro territorio, messe a confronto con le bonifiche effettuate c'è davvero da far tremare i polsi: la mappa del ministero dell'Ambiente indica infatti che soltanto 832 del totale sono i siti bonificati, 339 quelli parzialmente risanati (con prime misure di messa in sicurezza con le risorse economiche disponibili) e ben 30.309 quelli dove ancora la bonifica non è neppure cominciata. La presenza di Eternit o di cemento-amianto coinvolge scuole (che per le Regioni hanno la priorità nei finanziamenti per la bonifica), tetti di edifici anche pubblici, ospedali, case di riposo, aree residenziali e industriali attive o dismesse (779 in totale). E anche qui la mappatura non è fedele alla realtà perchè c'è disomogeneità nei criteri di raccolta dati da parte delle Regioni e delle Province autonome - che entro il 30 giugno di ogni anno hanno l'obbligo di trasmettere i dati sulla presenza di amianto - nonostante le modalità di esecuzione della mappatura siano state concordate e definite a livello nazionale.

La legge c'è da 22 anni, perchè è così difficile bonificare?
"Questo delle bonifiche è un dato davvero irrisorio rispetto agli oltre 30mila siti dove è accertata la presenza d'amianto" spiega D'Aprile, responsabile del 'Piano Nazionale Amianto' per il ministero dell'Ambiente. "La causa di questo gap è semplice: ad oggi non esistono tecnologie in grado di trattare l'amianto che deve essere, per froza di cose, tutto smaltito in discariche dedicate". "I costi, inoltre, sono molto elevati - aggiunge D'Aprile - si parla, in media, di centinaia di euro al metro quadro per la sostituzione di Eternit, ma variano da regione a regione".

Quali le situazioni più allarmanti?
"Al nostro ministero arrivano ogni anno le richieste di finanziamento per la bonifica. - aggiunge D'Aprile - Quasi tutte le 20 regioni d'Italia hanno fatto richiesta per il risanamento dell'edilizia scolastica: se ne deduce che le nostre scuole pubbliche siano quelle a vivere la situazione d'emergenza più grave perchè è lì che si recano ogni giorno i nostri figli". 

Galletti chiede 360 milioni per i siti d'interesse nazionale da bonificare
Per i siti d'interesse nazionale da bonificare dall'amianto - Broni-Fibronit (PV), Priolo-Eternit Siciliana (SR), Casale Monferrato-Eternit, Balangero-Cava Monte S.Vittore (TO), Napoli Bagnoli-Eternit, Tito-exLiquichimica (PO), Bari-Fibronit, Biancavilla-Cave Monte Calvario (CT), Emarese-Cave di Pietra (AO) - il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha presentato una richiesta di quasi 360 milioni a valere sul Fondo sviluppo e coesione 2014-2020. Il numero totale delle discariche operative, nel 2010, che hanno smaltito rifiuti di materiali da costruzione contenenti amianto, sono 22 (10 al Nord, 4 al Centro e 8 al Sud). Anche qui si tratta di un numero irrisorio non in grado di far fronte ai milioni di tonnellate di materiale pericoloso che ancora non siamo riusciti a smaltire.

Il Piemonte la regione che smaltisce più Eternit 
Secondo l'Ispra, delle 90 mila tonnellate (90,2% del totale) di questi rifiuti smaltiti in discarica per rifiuti non pericolosi, circa 60 mila vanno nel Nord del Paese, poco più di 23 mila al Centro e 7 mila al Sud. La regione che smaltisce la quantità maggiore è il Piemonte, con oltre 39 mila tonnellate (39,3%). In questi ultimi tempi, a causa dell'esaurimento di queste discariche e la mancata costruzione di nuove, spiega l'Ispra, molti rifiuti sono stati esportati in paesi comunitari, come Germania e Austria.
Condividi