MONDO

May: si voterà come previsto l'8 giugno

Strage sul London Bridge, fermate 14 persone. Le vittime sono 7, gravi 21 feriti

Cordoglio internazionale per l'attacco terroristico di ieri sera a Londra. I tre terroristi abbattuti dalla polizia con 50 colpi. Proseguono le indagini sul commando che ha prima travolto e poi accoltellato i passanti che ha trovato sul suo cammino, non ci sarebbero complici in fuga

Condividi
È di 7 morti e 48 feriti - 21 in gravi condizioni - il bilancio degli attacchi di ieri sera a Londra e a 4 giorni dal voto per le politiche, i partiti hanno sospeso per oggi la campagna elettorale ma la premier Theresa May ha confermato che le elezioni si terranno regolarmente giovedì.

Perquisito l'appartamento di uno dei killer
Da questa mattina alle 7 la polizia ha compiuto raid nel quartiere di Barking, a Londra: 12 le persone arrestate, tra cui 4 donne. Ad essere perquisita anche l'abitazione di uno dei killer: sarebbe un uomo di origine pakistana che lì abitava con moglie e figli. Nel pomeriggio, una "significativa" operazione di polizia si è svolta nei pressi di East Ham High Street, a Londra. Due i fermi. L'operazione è probabilmente connessa con gli attacchi di ieri sera. Lo riferiscono alcuni media britannici. La zona si trova non lontano da Barking.

La dinamica
Tre uomini, poco dopo le 22 (le 23 in Italia) si sono lanciati a bordo di un furgone bianco a grande velocità (almeno 80 km/h) sul London Bridge e hanno investito una quarantina di persone. Poi, brandendo lunghi coltelli da cucina, hanno raggiunto Borough Market e hanno accoltellato chiunque si trovasse loro davanti. La polizia li ha abbattuti otto minuti dopo aver ricevuto la prima chiamata di emergenza, in strada. I feriti, ricoverati in 5 ospedali della capitale, sono 48 e altre persone sono state medicate sul posto. Gli aggressori indossavano finte cinture esplosive per seminare il panico e sono scesi dal furgone urlando "lo facciamo per Allah". La polizia ha confermato che gli aggressori erano tre e sono stati uccisi, anche se le indagini continuano, e ha invitato londinesi e turisti a restare "calmi e vigili" e a segnalare "persone o cose sospette" ai numeri di emergenza.  

Scotland Yard: non tutte le vittime sono state identificate
Serve altro tempo per identificare le 7 vittime nell'attacco di Londra perché alcune sono straniere. Lo ha detto in conferenza stampa il capo dell'anti-terrorismo di Scotland Yard. Mark Rowley ha spiegato che 36 feriti dell'attacco al London Bridge sono ancora in ospedale, di questi 21 si trovano in gravi condizioni. Per neutralizzare i terroristi che ieri sera hanno seminato il panico a Londra otto agenti hanno sparato "50 colpi", un numero "senza precedenti", ha aggiunto. Un passante è rimasto ferito. Tra le vittime, almeno un francese e un canadese.  



Farnesina: non risultano italiani tra i feriti 
La Farnesina attraverso l'Unità di crisi e in stretto contatto con l' Ambasciata e il Consolato Generale continua ad effettuare le verifiche del caso. Al momento non risultano italiani coinvolti. È stato diffuso un numero telefonico per comunicare informazioni: 0636225.

May: si vota comunque l'8 giugno. E in ospedale visita i feriti
La premier Theresa May ha riunito il comitato di emergenza per la sicurezza 'Cobra'. Dopo l'attentato del 22 maggio a Manchester, May aveva portato l'allerta a "critico", il livello più alto, che significava "nuovo attacco imminente". Livello riportato a "grave", subito sotto in una scala di 5, dopo pochi giorni, e confermato oggi. "È giusto sospendere la campagna elettorale, che però riprenderà domani", perché "non possiamo smantellare il processo democratico", ha avvertito May. "Sono stati sventati 5 complotti" in Gran Bretagna da marzo, ha rivelato, ricordando gli ultimi attacchi, quello sul ponte di Westminster, e il kamikaze alla Manchester Arena. Attacchi non collegati tra loro ma conseguenza di "una nuova tendenza dell'estremismo: i terroristi si ispirano non solo sulla base di un complotto pianificato, ma si copiano gli uni con gli altri"."Ora è abbastanza, le cose non possono continuare in questo modo, ma devono cambiare", ha aggiunto proponendo di rivedere le leggi anti-terrorismo. Il premier britannico ha esortato a "combattere" il terrorismo e la sua "ideologia che è una perversione dell'Islam che sfida i diritti umani". Ma lo distruggeremo, ha avvertito, "solo se saremo in grado di far capire che i nostri valori sono superiori ai loro". Tutti i partiti hanno deciso di sospendere la campagna elettorale, tranne l'Ukip, il Partito per l'indipendenza del Regno Unito, "per non darla vinta ai terroristi". Oggi la premier ha visitato alcuni feriti ricoverati al Kings College Hospital. 

Cordoglio e condanna da tutto il mondo
I leader politici di tutta Europa hanno condannato l'attentato e hanno espresso vicinanza e solidarietà al governo e al popolo britannici. "Ancora una volta, manifestando il suo volto più vile, il terrorismo ha brutalmente colpito la capitale del Regno Unito. Gli attacchi di questa notte suscitano, oltre al cordoglio, profondo sdegno e la più ferma condanna". Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. L'Italia - aggiunge il capo dello Stato - sarà sempre a fianco del Regno Unito nella lotta contro quanti cercano di stravolgere la convivenza civile delle nostre società libere e inclusive. A nome degli italiani tutti porgo all'amico popolo britannico le piu' sentite condoglianze per le vittime e un sincero augurio di pronto ristabilimento".

"Solidarietà al Governo britannico e impegno comune contro il terrorismo. Uniamoci nel ricordo delle vittime", scrive il premier Paolo Gentiloni su Twitter.


Papa: terrorismo colpisce civili innocenti
"Lo Spirito doni pace al mondo intero, guarisca le piaghe della guerra e del terrorismo, che anche questa notte, a Londra, ha colpito civili innocenti: preghiamo per le vittime e i familiari". Queste le parole di Papa Francesco in piazza San Pietro.

Il sindaco Khan: resta alta la minaccia terroristica
Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha confermato che diversi feriti sono in condizioni critiche. Al momento si sa che quattro sono francesi e uno è grave. Prima che il bilancio fosse aggiornato da sei a sette morti, si era saputo anche di un neozelandese gravemente ferito al Borough Market messo in come farmacologico, Oliver Dowling, di Christchurch, colpito al volto, al collo e allo stomaco. La minaccia terroristica "resta alta" e "sono possibili altri attacchi in Gran Bretagna", avvertito Khan, aggiungendo però che le elezioni dovranno essere svolte regolarmente, mentre sul web si moltiplicano le richieste di rinvio. "Sono spaventato, furioso", per questo "attacco a persone che passavano il sabato sera gradevolmente", ma "non faremo mai vincere queste persone che vogliono distruggere il nostro modo di vivere", ha aggiunto Khan.

Confermato il concerto di Ariana Grande a Manchester
One Love Manchester, il concerto benefico di stasera di Ariana Grande con altre stelle della musica in memoria delle vittime dell'attentato del 22 maggio durante uno spettacolo della 23enne popstar Usa, è confermato. L'evento si farà anche in onore delle vittime degli attacchi di Londra. Sul palco, a partire dalle 19 ora locale (le 20 in Italia) anche Robbie Williams, Katy Perry, Coldplay, Justin Bieber, Miley Cyrus, Black Eyed Peas e Take That.

Trump critica Khan. La replica: disinformato
Donald Trump polemizza a distanza con il sindaco di Londra Sadiq Khan. "Almeno 7 morti e 48 feriti in una attacco terroristico e il sindaco di Londra dice che 'non c'è motivo di allarmarsi'", scrive il presidente Usa su Twitter. Dopo l'attentato di marzo sul ponte di Westminster, era stato il figlio del presidente, Trump Jr, a criticare Khan per una frase del sindaco di Londra sugli attacchi terroristici che "fanno parte della vita delle grandi città". "Dobbiamo smettere di essere politicamente corretti e occuparci della sicurezza per la nostra gente. Se non ci facciamo furbi potrà solo peggiorare", scrive il presidente degli Stati Uniti.  Il sindaco di Londra replica tramite un portavoce che definisce Trump "disinformato" e dice che ha "tolto dal contesto in modo deliberato" le dichiarazioni del primo cittadino. Khan aveva cercato di rassicurare i londinesi chiedendo loro in un messaggio trasmesso da Bbc di non preoccuparsi per la presenza degli agenti armati che saranno dispiegati in via eccezionale nelle strade.
 
Condividi