Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/E-morto-Gilberto-Benetton-imprese-Treviso-7e0be8d6-8cc8-4f09-9538-408865a0a56d.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Treviso

E' morto Gilberto Benetton, aveva 77 anni

Con i fratelli Luciano, Giuliana e Carlo, aveva fondato il Gruppo Benetton nel 1965

Condividi
E' morto a Treviso, a 77 anni, dopo una lunga malattia, Gilberto Benetton, imprenditore e fondatore del gruppo omonimo. Era ricoverato nel reparto di Oncologia dell'ospedale locale.

Nato il 19 giugno del 1941 a Treviso, dove ha radici e ancora la mente il gruppo della famiglia Benetton, Gilberto, secondo Forbes, era il 12° uomo più ricco d'Italia (e il 736° al mondo) con un patrimonio stimato in 2 mld di dollari.

Con i fratelli Luciano, Giuliana e Carlo, aveva fondato il Gruppo Benetton nel 1965. È stato vicepresidente di Edizione Srl, la finanziaria di famiglia, di Autogrill, era consigliere del Gruppo Benetton, di Atlantia, Mediobanca, Pirelli & C. e Allianz. Dal 2012 era stato inserito nell'Italian Basket Hall of Fame per i successi con la Benetton Pallacanestro Treviso. Il 10 luglio scorso era morto il più giovane dei quattro fratelli, Carlo, all'età di 74 anni.

Negli ultimi mesi, Gilberto Benetton aveva subito due pesantissimi colpi. Prima la morte dell'amatissimo fratello Carlo e poi la tragedia del Ponte Morandi. Due tragedie inaspettate che hanno messo a dura prova un fisico già provato dalla malattia e arrivate - scrive ilsole24ore.com - quando l'imprenditore pensava di aver toccato l'apice della propria ascesa, complice la maxi operazione Atlantia-Abertis che aveva proiettato il gruppo a livello internazionale.

Zaia: se ne va un simbolo del 'Made in Veneto'
"Se ne va un grande trevigiano, esponente di una famiglia di imprenditori che è diventata il simbolo stesso dell'imprenditoria 'made in Veneto'". Così il presidente della Regione, Luca Zaia, ricorda Gilberto Benetton. "La famiglia Benetton, sin dagli albori della sua storia imprenditoriale - ricorda Zaia - ha rappresentato un modo diverso e nuovo di fare impresa. Ha innovato il concetto e i metodi di produzione, ha rivoluzionato vendita e marketing, ha creato nuovi gusti e un nuovo linguaggio pubblicitario. Insieme ai suoi fratelli, Gilberto ha portato nel mondo una nuova immagine del Veneto che, da contadino e artigiano, si è affermato nei diversi continenti con la fantasia dei suoi prodotti e dei suoi colori, la forza dell'organizzazione aziendale e della qualità. Gilberto è stato il primo artefice del gruppo di Ponzano, il braccio finanziario della famiglia, l'appassionato sportivo diventato il mecenate delle squadre della Marca, dal rugby al volley al basket: società che negli impianti della Ghirada hanno trovato il quartier generale e costruito il loro vivaio, riuscendo a regalare ai trevigiani e ai veneti, sotto l'egida appunto dei Benetton, grandi emozioni e indimenticate vittorie".

"Di Gilberto - sottolinea Zaia - ci mancherà l'ampiezza di vedute, insieme a quel suo carattere schivo e riservato, così connaturale alle caratteristiche dei veneti, operosi e refrattari alla luce dei riflettori. Ci mancherà la sua capacità di pensare in grande, di sognare una avventura imprenditoriale che è riuscita a travalicare ogni confine, a imporre il proprio marchio nelle maggiori metropoli del mondo e a proiettare una famiglia e una città di provincia nel panorama dell'economia globale. Ai fratelli e alla famiglia - conclude - le mie più sentite e commosse condoglianze".

Il comune di Treviso: vicini alla famiglia
Il sindaco di Treviso, Mario Conte, e tutta l'amministrazione comunale, "nello stringersi alla famiglia in un ideale abbraccio, intendono esprimere il proprio cordoglio per la scomparsa di Gilberto Benetton, imprenditore sopraffino che ha scritto pagine importanti e di successo della storia economica, culturale e sportiva non solo di Treviso ma di tutta Italia. Sono stati molti", si legge in una nota, "gli investimenti operati e l'impegno profuso da Gilberto Benetton e dalla sua famiglia per il nostro territorio che, anche grazie al suo prezioso apporto, ha potuto farsi conoscere e apprezzare in tutto il mondo".

Zoppas: ha fatto grandi il Veneto e l'Italia
"Da parte di tutta Confindustria Veneto e mia voglio esprimere il più grande cordoglio alla famiglia Benetton per la scomparsa di Gilberto. Gilberto, insieme a Carlo, apparteneva a quella classe imprenditoriale che ha fatto grande il Veneto e l'Italia nel mondo. Con lui scompare un altro testimone di quell'epoca d'oro in cui il saper fare, proprio della nostra regione, ha saputo imporsi a livello internazionale, grazie alla capacità di innovare e internazionalizzare, indicando alla nostra generazione il percorso da seguire". Lo afferma in una nota il presidente di Confindustria Veneto, Matteo Zoppas. 
Condividi