Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ebola-allarme-donna-morta-in-Austria-In-Liberia-sparare-a-chi-cerca-ingresso-da-Sierra-Leone-dd49edbc-79ea-4ea0-b9f8-f5990ff639e3.html | rainews/live/ | true
MONDO

In Liberia: sparare a chi cerca ingresso da Sierra Leone

Ebola. allarme per donna morta in Austria. Msf: almeno sei mesi per controllare l'epidemia

Sarà sottoposta al test di Ebola la salma di una donna trovata morta nel suo appartamento in Tirolo dopo un viaggio in Nigeria. Al 13 agosto, l'epidemia in Africa occidentale ha raggiunto i 2.127 casi con 1.145 decessi

Ebola (AP Photo/MSF)
Condividi
La paura  dell'epidemia raggiunge l'Europa. La salma di una donna trovata morta nel suo appartamento in Tirolo dopo un viaggio in Nigeria, sarà sottoposta al test di Ebola. L'azienda sanitaria del land austriaco comunque tranquillizza: "Il rischio che la donna sia morta a causa del virus "è minimo". La cittadina britannica di 48 anni il 12 agosto era rientrata a Vomp (Austria), dopo un viaggio nel paese africano. I risultati dell'esame sono attesi nelle prossime ore.

Intanto secondo le previsioni di Medici senza frontiere ci vorranno almeno sei mesi perchè l'epidemia di Ebola in Africa Occidentale possa essere messa sotto controllo. Il presidente Joanne Liu fa sapere che "la situazione sta peggiorando più velocemente del previsto e il virus si muove più in fretta rispetto alla risposta che possiamo dare". Parlando a Ginevra dopo la sua visita nella zona del contagio ha spiegato che anche se l'epicentro iniziale dell'epidemia è stato in Guinea e il suo ritmo lì è rallentato, ora il focolaio principale è in altri paesi, in particolare in Liberia.

Almeno 6 mesi per stabilizzare la regione
"Se non riusciamo a stabilizzare la Liberia - continua Liu - non riusciremo mai a stabilizzare l'intera regione - continua - In termini di tempo, non si tratta di settimane, ma di mesi. Abbiamo bisogno di un impegno di mesi, almeno sei, direi. E si tratta di una previsione molto ottimistica. Tutti i governi devono agire ora, se vogliamo contenere l'epidemia''.

Liberia: sparare a vista a chi tenta ingresso da Sierra Leone
Alle forze armate della Liberia è stato dato l'ordine di sparare a chi cerca di passare illegalmente il confine, per entrare nel Paese dalla vicina Sierra Leone. Il confine fra le due nazioni è stato chiuso settimane fa nel tentativo di arginare l'epidemia di virus Ebola. La notizia è riportata sul 'Daily Observer'. I soldati di stanza nelle contee liberiane di Bomi e Grand Cape Mount hanno l'ordine di "sparare a vista" a chiunque cerchi di passare il confine, spiega il vice capo di Stato maggiore, colonnello Eric Dennis.

Oms: oltre 1140 vittime, 2.127 i casi di contagio
Secondo l'ultimo bollettino dell'Organizzazione mondiale della sanità, datato 13 agosto, l'epidemia di Ebola in Africa occidentale ha raggiunto i 2.127 casi con 1.145 decessi. Per la Liberia il bilancio è di 786 casi e 413 morti, mentre in Sierra Leone i casi sono stati 810 con 348 morti.
Condividi