Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ebola-secondo-scienziati-in-Guinea-il-virus-sarebbe-mutato-Tornano-a-crescere-i-contagi-4bdb8a5b-6203-428b-815a-e9dd588f8f13.html | rainews/live/ | true
MONDO

I biologi temono che possa diventare più contagioso

Ebola, secondo scienziati in Guinea il virus sarebbe mutato. Tornano a crescere i contagi

Gli scienziati che studiano l'epidemia di Ebola in Guinea hanno annunciato che il virus è mutato e i biologi dell'Institut Pasteur in Francia, che hanno isolato il virus a marzo scorso, stanno verificando se sia diventato più contagioso. Aumentato il numero di infezioni asintomatiche

Ebola (ansa)
Condividi
Roma Mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che i casi di Ebola nella settimana del 25 gennaio sono tornati a crescere per la prima volta da giugno 2014, secondo alcuni scienziati il virus è mutato e potrebbe essere più contagioso.

Gli studiosi stanno analizzando centinaia di campioni di sangue di pazienti infettati da Ebola in Guinea, cercando di capire se e come il virus stia cambiando e se sia in grado di passare da una persona all'altra con più facilità. Anche i biologi dell'Institut Pasteur in Francia, che hanno isolato il virus a marzo scorso, stanno verificando se Ebola sia diventato più contagioso.  

"Sappiamo che il virus sta cambiando molto" ha detto il genetista Anavaj Sakuntabhai. "Un virus può cambiare e diventare meno mortale e più contagioso ed è una cosa che temiamo. Ora abbiamo visto vari casi che non hanno sintomi, del tutto asintomatici - ha aggiunto Sakuntabhai - Queste persone potrebbero diffondere meglio il virus". In Guinea, Sierra Leone e Liberia più di 22mila persone sono state infettate da Ebola e 8.795 sono morte.  

Un'altra preoccupazione deriva dal fatto che se il virus ha più tempo e "ospiti" per svilupparsi può mutare e trasmettersi per via aerea. Comunque, non c'è nessuna prova che indichi questa situazione: per ora il virus si propaga attraverso il contatto diretto con i fluidi delle persone infettate, come conferma il virologo dell'Institut Pasteur Noel Tordo: "Attualmente il metodo di trasmissione è lo stesso, basta evitare il contatto con le persone malate. Ma come scienziati non si può prevedere che non cambi, forse lo farà".
Condividi