Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Emergenza-Amazzonia-Brasile-manda-esercito-Macron-attacca-Bolsonaro-mente-stop-a-Mercosur-c6369fea-4cab-4f52-9fb6-bdb3b006796d.html | rainews/live/ | true
MONDO

In fiamme il pomone del pianeta

Emergenza Amazzonia, il Brasile manda l'esercito. Macron attacca: "Bolsonaro mente, stop a Mercosur"

Decine di migliaia di roghi devastano la foresta pluviale che è vitale per l'equilibrio del pianeta. Si inasprisce lo scontro tra i presidenti mentre in tutto il mondo ci sono mobilitazioni 

Condividi
Mentre il polmone del pianeta brucia sul piano politico si inasprisce lo scontro fra Emanuel Macron e Jair Bolsonaro sulla protezione dell'Amazzonia: il presidente francese ha lanciato l'allarme sulla 'crisi internazionale' che rappresentano gli incendi forestali in Brasile, reclamando al G7 di iscrivere la questione all'agenda del suo vertice, ma il suo collega brasiliano lo ha accusato di cedere al 'sensazionalismo' per 'interessi politici personali', dimostrando una 'mentalità colonialista'.

Bolsonaro manda l'esercito
Bolsonaro conferma l'intenzione di inviare l'esercito sul fronte degli incendi in Amazzonia. Parlando con il portale G1, il presidente brasiliano ha affermato che i soldati potranno contribuire nella lotta contro le fiamme. Il capo dello Stato brasiliano ha inoltre firmato una disposizione che invita tutti i ministri competenti a prendere tutte le misure necessarie per sorvegliare e contrastare i roghi in Amazzonia: obiettivo e' la "preservazione e la difesa della foresta pluviale nella zona amazzonica, nostra eredita' nazionale", si afferma nell'ordine.

72mila roghi, 83% in più rispetto al 2018
A quanto scrive la Folha de S. Paulo, gli incendi sono cresciuti dell'83% rispetto all'anno precedente: in tutto, i roghi registrati sono stati 72.843, e hanno colpito soprattutto aree private ma anche riserve naturali e campi di proprieta' delle popolazioni indigene.

Macron: "Bolsonaro ha mentito"
Dal canto suo il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che Bolsonaro, ha "mentito" sul suo impegno a favore dell'ambiente ed ha annunciato che, date le condizioni, la Francia si opporra' al trattato di libero scambio Ue-Mercosur. Lo rende noto l'Eliseo. "Tenuto conto dell'atteggiamento del Brasile in queste ultime settimane, il presidente della Repubblica non che che constatare che il presidente Bolsonaro ha mentito al vertice del G20 di Osaka, dato che "ha deciso di non rispettare i suoi impegni climatici ne' di impegnarsi sul fronte della biodiversita'", si legge nella nota della presidenza francese.

Francia si oppone ad accordo Mercosur
"Date queste condizioni, la Francia si oppone all'accordo Mercosur in essere".

Merkel: "Amazzonia è emergenza acuta"
Anche per la cancelliera tedesca Angela Merkel gli incendi in Amazzonia sono una situazione di "emergenza acuta" e vanno discussi al G7. "La cancelliera è convinta" che il tema "debba figurare nell'agenda del G7 quando si riunirà questo fine settimana" a Biarritz, ha dichiarato il portavoce di Merkel, Steffen Seibert, aggiungendo che "la cancelliera sostiene completamente il presidente francese" su questo punto.

"L'estensione degli incendi in Amazzonia è scioccante e minaccia non solo il Brasile e gli altri Paesi colpiti ma anche il mondo intero", ha detto il portavoce di Merkel.

Scambio di accuse tra Bolsonaro e ONG
In Brasile la polemica è divampata con lo scambio di accuse reciproche tra le Ong ambientaliste che imputano al presidente del Brasile di promuovere la distruzione della foresta per motivi economici e Bolsonaro che indica le stesse organizzazioni ambientaliste come responsabili degli incendi. Oggi, giornata di mobilitazione globale per gli ambientalisti con lo slogan SOS Amazzonia, la polemica si allarga.

L'Istituto nazionale brasiliano di ricerca spaziale (Inpe) ha riferito di circa 2.500 nuovi incendi nell'arco di 48 ore in tutto il Brasile. La deforestazione, che avanza rapidamente, è la principale causa dello scoppio di nuovi roghi. Secondo l'Inpe, da gennaio al 21 agosto sono stati registrati nel Paese 75.336 incendi, cioè l'84% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, oltre il 52% dei quali interessano l'Amazzonia. Davanti a questa "tragedia", il presidente dell'Ecuador Lenin Moreno ha proposto al suo omologo brasiliano l'invio di tre squadre di pompieri specializzate negli incendi di foreste. Mentre la stampa brasiliana cominciava a riferire di problemi respiratori in alcune città, i roghi in Amazzonia giovedì sono rimasti la prima 'tendenza' su Twitter.

Su Twitter scontro tra Macron e Bolsonaro

Scontro su Twitter fra Emanuel Macron e Jair Bolsonaro sulla protezione dell'Amazzonia: il presidente francese ha lanciato l'allarme sulla "crisi internazionale" che rappresentano gli incendi in Brasile, chiedendo al G7 di iscrivere la questione all'agenda del suo vertice, ma il suo collega brasiliano lo ha accusato di cedere al "sensazionalismo" per "interessi politici personali", dimostrando inoltre una "mentalità colonialista.

"Mi dispiace che il presidente Macron cerchi di strumentalizzare una questione interna del Brasile e di altri Paesi dell'Amazzonia per un guadagno politico personale. Il tono sensazionalista con cui si riferisce all'Amazzonia (facendo persino ricorso a foto false) non contribuisce per nulla a risolvere il problema", attacca Bolsonaro. Che poi prosegue in un secondo tweet: "Il governo brasiliano rimane
aperto al dialogo, basandosi su dati oggettivi e rispetto reciproco. Il suggerimento del presidente francese di discutere le questioni amazzoniche al G7 senza la partecipazione dei Paesi della regione evoca una mentalità colonialista fuori luogo nel 21° secolo".

Bolsonaro parla di "foto false" perché, al suo tweet, Macron ha allegato uno scatto degli incendi che non è attuale: si tratta di una foto dell'americano Loren McIntyre, morto nel 2003, noto per il suo
lavoro per National Geographic. Quella delle foto non attuali o relative ad incendi in altre parti del mondo è una questione di cui avevamo parlato ieri citando l'operazione di 'debunking' effettuata, tra gli altri, dal profilo social di AFP. "La nostra casa brucia. Letteralmente. L'Amazzonia, il polmone del nostro pianeta che produce il 20% del nostro ossigeno, è in fiamme. È una crisi internazionale. Membri del G7, appuntamento fra due giorni per parlare di questa emergenza", aveva scritto Macron ieri.

L'ex ministra dell'ambiente di Lula: è un crimine contro l'umanità

La situazione in Amazzonia, devastata dalla deforestazione e dagli incendi, è "fuori controllo", denuncia l'attivista ambientale brasiliana Marina Silva, accusando il governo di estrema destra del presidente Jair Bolsonaro di consentire "un'azione frenetica" che colpisce un ecosistema vitale per il pianeta. L'ecologista nonché ex candidata alla presidenza, in visita a Bogotà, ha dichiarato in un'intervista all'AFP che il gigante latinoamericano ha le conoscenze e la "tecnologia" per controllare gli incendi. I quali, invece, divorano vaste aree di giungla a causa della "negligenza" del governo di
Bolsonaro, uno scettico sul clima.

Marina Silva, che e' stata anche ministro dell'Ambiente dal 2003 al 2008 del presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva (2003-2010), afferma anche che si sta formando un movimento per chiedere al Parlamento di respingere le iniziative "contrarie" alla protezione della natura. Vincitrice del Goldman Environmental Prize nel 1996, considerato il "Nobel verde", Silvia ha criticato severamente il  presidente del suo Paese, affermando che ciò che accade in Amazzonia - di cui il 60% si trova in Brasile - costituisce un "crimine contro l'umanità". 

La procura federale brasiliana apre un'inchiesta

La Procura federale del Brasile ha annunciato l'avvio di un'inchiesta sugli incendi in Amazzonia. L'inchiesta, è stato spiegato, sarà per determinare se si sia vigilato in modo adeguato, se si sia dato sufficiente sostegno alle agenzie che proteggono l'ambiente ed anche se ci sia un'azione coordinata da parte di agricoltori ed allevatori. L'inchiesta partirà dallo stato di Parà a seguito dei dati
"allarmanti" nella regione, dove la deforestazione è aumentata del 50% e, in modo speculare, è aumenta del 50% la superficie destinata all'agricoltura.

L'avvio dell'inchiesta è stato descritto come "un atto dovuto" di fronte alle tante denunce, anche riguardo ad una riduzione dell'azione di vigilanza. E la Procura ha avvisato anche della possibilità
dell'avvio di procedure civili contro le autorità.- In particolare, la Procura intende indagare su quello che è stato definito "Il giorno del Fuoco" durante il quale, lo scorso 10 agosto, gli organizzatori hanno invitato gli agricoltori a bruciare boschi per "mostrare la volontà di lavorare con il presidente Bolsonaro".

"Abbiamo bisogno di mostare al presidente che vogliamo lavorare e per formare e pulire i nostri paesi dobbiamo farlo con il fuoco", ha dichiarato al giornale "Folha do Progresso" uno degli organizzatori.
Durante la giornata del 10 agosto si sono registrati aumenti degli incendi nei municipi di Novo Progresso e Altamira.

Da Madonna a Cristiano Ronaldo, le star lanciano appelli sui 'social'

Star del cinema e della musica come Leonardo di Caprio e Madonna hanno aggiunto la loro voce al coro di chi in queste ore partecipa alla mobilitazione online con l'hashtag #prayforamazonia. Scrive la pop star: "Gli incendi infuriano e l'Amazzonia continua a bruciare ......... Questa è una devastazione per il Brasile, per gli indigeni che vivono lì e le specie vegetali e animali che rendono questa la più importante foresta per la biodiversità !!! Presidente Bolsonaro, per favore ..."



Sulla questione è voluto intervenire anche Cristiano Ronaldo: "La foresta pluviale amazzonica produce oltre il 20% dell'ossigeno del mondo e brucia da tre settimane. E' nostra responsabilità aiutare a salvare il nostro pianeta. #prayforamazonia". Con questo messaggio su twitter, anche il campione portoghese della Juventus fa sentire la sua voce a difesa della foresta amazzonica.



Anche il suo compagno di squadra Paulo Dybala ha twittato sull'argomento: "L'Amazzonia brucia. L'Amazzonia non è solo del Sud America, appartiene a tutti. La foresta sono i polmoni della Terra, danno il 20% dell'ossigeno al nostro pianeta. È la foresta di tutto il mondo e il nostro futuro sta bruciando, tutti voi dovete fare qualcosa".

"Sono profondamente preoccupato dagli incendi nella foresta pluviale dell'Amazzonia. Nel mezzo della crisi climatica globale non possiamo permetterci altri danni a una considerevole risorsa di ossigeno e biodiversità. L'Amazzonia deve essere protetta". In serata è arrivata sempre su Twitter anche la voce del segretario generale delle Nazioni unite, Antonio Guterres. 

Il fumo degli incendi visibile dallo Spazio

Il fumo prodotto dagli incendi che stanno devastando l'Amazzonia in questi giorni può essere visto persino dallo Spazio: a catturarne le immagini, il 20 e 21 agosto, sono stati il satellite Sentinel 3, del programma europeo Copernicus dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), e quello della Nasa, Suomi National Polar-orbiting Partnership. L'immagine della Nasa scattata dal satellite Nuomi NPP utilizzando il VIIRS (Visible Infrared Imaging Radiometer Suite) il 20 agosto 2019 e divulgata oggi, mostra il fumo e gli incendi in diversi stati del Brasile, tra cui Amazonas, Mato Grosso e Rondônia. Non è insolito vedere gli incendi in Brasile in questo periodo dell'anno, scrive la Nasa sul suo sito, a causa delle alte temperature e della bassa umidità. Il tempo dirà se quest'anno è stato un record o appena entro i limiti normali. Vi proponiamo anche le immagini pubblicate dal satellite di Maxar Technologies che testimoniano il progredire del fuoco in ampie zone dello stato di Rondônia nell'alto bacino del Rio delle Amazzoni.

Non solo Brasile

Non solo il Brasile, anche la Bolivia e il Paraguay sono colpiti da gravi incendi boschivi. Tanto che gli ultimi due Paesi si sono uniti per combattere le fiamme che hanno già causato danni "irreversibili" a flora e fauna, secondo gli ambientalisti. In Bolivia sono circa 654mila gli ettari bruciati nel dipartimento di Santa Cruz dal mese di maggio, con un netto aumento ad agosto; da due settimane i vigili del fuoco combattono incendi fuori controllo. In Paraguay, colpito nella zona nord, non sono dispinibili dati ufficiali. A distinguere questi incendi da quelli dell'Amazzonia c'è che avvengono più a sud, ai confini tra Bolivia, Paraguay e Brasile. Le autorità dei primi due Paesi hanno fatto sapere di essere in contatto per "lavorare insieme".

SOS Amazonia, manifestazioni in tutto il mondo

Manifestazioni per l'Amazzonia sono in programma per oggi in Brasile e nel mondo, mentre il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è sotto pressione internazionale per gli incendi che bruciano la foresta. Giovedì sera Bolsonaro ha partecipato a una riunione di crisi a Brasilia, dopo che di mattina aveva lanciato nuovamente accuse contro i difensori dell'ambiente, insinuando che dietro i roghi possano
esserci delle Ong. Proteste sono in programma per oggi a San Paolo e Rio de Janeiro. Inoltre il movimento 'Fridays for Future' nato dalla lotta ecologista della giovane svedese Greta Thunberg, icona della lotta contro il cambiamento climatico, ha lanciato un appello a manifestare davanti ad ambasciate e consolati del Brasile nel mondo.

Condividi