Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Erdogan-ordina-di-fermare-i-migranti-in-Egeo-Luned-sara-a-Bruxelles-cc67f0be-a0b8-47f9-af54-68865f07a9bb.html | rainews/live/ | true
MONDO

La tregua in Siria

Erdogan ordina di fermare i migranti in Egeo. Lunedì sarà a Bruxelles

Caschi bianchi: catastrofe umanitaria spaventosa. Raed al Saleh: Non ci sono né cibo né acqua, le persone bruciano i propri vestiti per riscaldarsi

Condividi
Al momento non si registrano violazioni della tregua nella regione nordoccidentale siriana di Idlib dopo il nuovo cessate il fuoco concordato da Russia e Turchia. Lo ha reso noto il ministro della Difesa di Ankara, Hulusi Akar. Tra le misure previste dall'intesa raggiunta giovedì tra Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, ci sono "la fine delle azioni militari" nella cosiddetta "zona sicura" di Idlib e la creazione di un "corridoio di sicurezza" di 6 km a nord e a sud dell'autostrada M4 che collega Aleppo e Lattakia, lungo la quale inizieranno il 15 marzo i pattugliamenti congiunti di militari russi e turchi. 
Intanto nei campi profughi è emergenza civile e sanitaria. I Caschi bianchi parlano di catastrofe umanitaria spaventosa. "Non ci sono né cibo né acqua, le persone bruciano i propri vestiti per riscaldarsi" ha detto Raed al Saleh leader dei volontari che soccorrono i profughi.

Erdogan, lunedì volerà a Bruxelles e ordina a guardacoste di fermare i migranti in Egeo 
Dopo una lunga telefonata con Angela Merkel in cui chiedeva una revisione dell'accordo sui migranti con l'Europa del 2016, il presidente turco Erdogan si recherà in visita a Bruxelles, lunedì 9 marzo. Non si conoscono ancora i suoi incontri in programma. In Commissione c'è preoccupazione per la questione migranti dopo che Ankara ha deciso di lasciare aperti i confini con l'Europa per consentire il passaggio delle migliaia di profughi in fuga dalle aree in guerra  tra Turchia e Grecia. Passaggio che alcuni hanno considerato un 'ricatto' da parte del governo della mezza luna. Secondo il ministero degli Interni di Ankara sono più di 142mila i migranti che si sono diretti verso la Grecia dalla Turchia. Quest'ultima afferma di aver già accolto sul suo territorio 4 milioni di migranti, 3,6 dei quali siriani in fuga dal governo di Bashar Al-Assad. Intanto il presidente turco ha ordinato alla guardia costiera di fermare tutti i migranti che tentano la via del mare Egeo per arrivare in Europa attraverso le isole della Grecia.
 
Grecia, Mitsotakis: accordo sui migranti tra Ue-Turchia è morto 
Il Patto fra Unione Europea e Turchia che dal 2016 limita le migrazioni verso l'Europa è "morto": lo ha detto il premier greco Kyriakos Mitsotakis alla CNN. Il premier ha accusato Ankara di "assistere" un'ondata continua di migliaia di migranti alla frontiera. "In questo momento, siamo onesti, l'accordo è morto".
Condividi