Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Esplosione-in-fabbrica-nel-Milanese-6ff7aaa3-ed8c-41f0-8ff3-76e7efe6c8b1.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'incendio è avvenuto in una ditta che trasforma prodotti a base di canapa

Esplosione in fabbrica nel Milanese. Due feriti gravi

Alcuni testimoni hanno parlato di "torce umane". Sono i proprietari della ditta

Condividi
Esplosione e incendio in una ditta che trasforma prodotti a base di canapa in via Edison a Trezzano sul Naviglio, in provincia di Milano, intorno alle ore 15.45. 

I feriti, per il momento, sono tre operai di 20, 26 e 66 anni, due soccorsi in codice rosso e il terzo, più lieve, in codice giallo. Alcuni testimoni hanno parlato di "torce umane", a proposito dei due feriti gravi che sono stati coinvolti nel rogo. Si tratta dei due proprietari della ditta. Il più grave, con ustioni di terzo grado, è quello di 26 anni, che figura come titolare legale dell'attività.

Stando alla voce dei testimoni, i due hanno tentato di domare l'incendio con degli estintori, fino a quando le fiamme hanno attaccato i loro vestiti. A quel punto sono usciti dalla ditta, quando però avevano già ustioni su tutto il corpo. 

Sul posto un elicottero, 2 automediche, 5 ambulanze e i Vigili del fuoco, i quali hanno poi domato le fiamme.

Sono state circa 5mila bombolette di propellente (butano) usato per abbassare il thc, il principio attivo della cannabis, a rendere esplosivo l'incendio nella fabbrica di circa 100 mq. A descrivere i particolari è stato il funzionario di turno dei Vigili del fuoco, sul posto a coordinare l'intervento. Non è però ancora chiaro da dove sia partita la prima scintilla, che potrebbe essere nata da una causa accidentale. Le lingue di fuoco, inoltre, hanno interessato un capannone adiacente che ospita una fabbrica di scarpe.

Secondo quanto riferito dai carabinieri del comando provinciale di Milano, l'incendio è divampato verosimilmente per motivi di natura accidentale. Dopo la notizia dell'esplosione il sindaco di Trezzano, Fabio Bottero, ha scritto su Facebook: "Non ci sono rischi per l'ambiente". 


 
Condividi