Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Estate-Coldiretti-a-luglio-in-partenza-4-italiani-su-10-fd6d13e7-7631-43c6-bd74-0fba7fcb6510.html | rainews/live/ | true
ITINERARI

Vacanze

Estate, Coldiretti: a luglio in partenza 4 italiani su 10

I dati mostrano un aumento di due milioni di prsone in viaggio rispetto al 2014. I vacanzieri aumentano ma la tendenza è al risparmio

(foto Genovese/LaPresse)
Condividi
Sempre più italiani scelgono di fare le vacanze a luglio: quasi quattro su dieci (il 38%) partono in questo mese. Le scuole sono già terminate e rispetto ad agosto - considerato altissima stagione - si riesce a risparmiare un po'. È il quadro che emerge da un'analisi Coldiretti/Ixé, condotta in occasione del primo weekend di luglio che inaugura la stagione delle grandi partenze.

Quest`estate - sottolinea la Coldiretti - sono 11,4 milioni gli italiani che si concedono almeno un giorno di vacanza fuori casa nel mese di luglio con un aumento di quasi 2 milioni rispetto allo scorso anno. Un orientamento - precisa la Coldiretti - favorito anche dalle previsioni di bel tempo con sole e caldo assicurato per quasi tutta la metà del mese.

Se aumentano i vacanzieri la tendenza è al risparmio - continua la Coldiretti - nella durata e nella distanza delle mete e alla caccia di saldi con le offerte last minute. Rispetto allo scorso anno - sottolinea la Coldiretti - il 16 per cento degli italiani dichiara di spendere di meno contro appena un 3 per cento che ha deciso di aumentare il budget. In ogni caso l`82 per cento dei vacanzieri - precisa la Coldiretti - resterà in Italia.

Particolarmente gettonate quest'anno sono - continua la Coldiretti - le vacanze brevi con il 18 per cento dei vacanzieri che prevede una durata inferiore ai tre giorni, il 27 per cento da 4 giorni ad una settimana, il 26 per cento da una a due settimane, il 13 per cento da due a tre settimane, il 6 per cento da tre a quattro settimane e il 5 per cento oltre un mese, tra quelli che hanno già deciso. Rispetto allo scorso anno l`8 per cento ha scelto destinazioni più vicine mentre il 6 per cento le ha allungate.
Condividi