Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Evira-per-due-volte-il-marito-fedifrago-e-getta-il-pene-dalla-finestra-b5388d6d-b4d9-4ad1-9f2d-060039da98c1.html | rainews/live/ | true
MONDO

E' accaduto in Cina

Evira per due volte il marito fedifrago e getta il pene dalla finestra

Stanca dei continui tradimenti una casalinga di Shanghiu, centro della provincia cinese dello Henan, arriva all'estrema decisione: tagliare il pene del fedifrago. Lo evira nel sonno, ma in ospedale i chirurghi riescono a ricucirgli l'organo. Non contenta la donna torna in azione ma questa volta si assicura di rendere introvabile l'oggetto della sua collera

Condividi
Cina

La donna, minuta dalla pelle chiara e dai capelli corvini, deve aver maturato la sua decisione a lungo. Da un pensiero all’altro, governato dal desiderio di vendetta, Fen Lung è arrivata all’estrema decisione: evirare per mettere fine, una volta per tutte, ai tradimenti del marito. Chissà se si è ispirata all’americana Lorena Bobbit, che nel 1993 recise il pene al marito dopo l’ennesima violenza. Fatto sta che la relazione del coniuge con una ragazza di 21 anni ha fatto scattare nella mente di questa casalinga di Shanghiu, centro della provincia cinese dello Henan, il raptus fallicida. Ha tagliato l’organo genitale del marito fedifrago con un paio di forbici mentre l’uomo dormiva. Trasportato in ospedale, i chirurghi sono riusciti a ricucire il pene ma la donna, che secondo media locali soffre di problemi mentali, è tornata subito a colpire: si è introdotta nella stanza d’ospedale e ha reciso il pene del marito per la seconda volta.

Come ispirata dal gesto di Crono, che dopo aver evirato il padre Esidio getta il fallo in mare, ha deciso di liberarsi dell’attributo del coniuge buttandolo dalla finestra della stanza d’ospedale, non tra i flutti del mare, ma in uno squallido cortile interno.  E mentre il marito, nudo e sanguinante, cercava di aggredirla e veniva fermato dalla polizia chiamata dal personale medico, una squadra di infermieri si è subito precipitata in cortile alla ricerca dell'organo. Una ricerca minuziosa, durata oltre quattro ore, ma senza successo: del pene si sono perse le tracce. L’ospedale ha fatto però sapere che le condizioni del marito evirato sono “molto migliorate”. Resta solo “molto sconvolto”.  

Condividi