Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Expo-Mattarella-preziosa-opportunita-Renzi-scommessa-vinta-11a812eb-f295-4cef-a07d-99cc48186f09.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

4 giorni al via

Expo, Mattarella: preziosa opportunità. Renzi: scommessa vinta

Il premier su Facebook: "Primo traguardo: sono stati già venduti 10 milioni di biglietti". Il ministro Martina: "Il 1 maggio vedrete un' Expo aperta in tutta la sua potenza"

(Ansa)
Condividi
Expo: una grande occasione. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il premier, Matteo Renzi, sono d'accordo sulla definizione da dare all'esposizione universale di Milano, ovvero un'opportunità per l'Italia.

Durante la cerimonia di premiazione delle eccellenze del Made in Italy dedicata alla "Giornata Qualità Italia" e alla consegna dei Premi Leonardo 2014, il Capo dello Stato spiega: "L'Expo di Milano è una grande occasione, è una preziosa opportunità per il sistema Paese. Garantire cibo e acqua a tutti i popoli, salvaguardando l'equilibrio dell'ambiente e offrendo alle future generazioni uno sviluppo sostenibile è un impegno di portata epocale che sarà posto all'intero Pianeta dall'esposizione italiana. Tutti devono fare la loro parte per vincere la sfida e ammodernare il nostro Paese".

Renzi utilizza invece i Social Network per ribadire il messaggio. "Tra 4 giorni - scrive il premier su Facebook - inauguriamo l'Expo a Milano, con un primo traguardo: sono stati già venduti 10 milioni di biglietti. Un anno fa, quando abbiamo ereditato ritardi e scandali, sembrava impossibile. Non abbiamo ascoltato quelli che ci dicevano: 'non ce la farete mai'. E in quest'anno più lo ripetevano, più siamo stati convinti di aver fatto la cosa giusta".

"Oggi con grande soddisfazione - assicura Renzi - possiamo dire che la scommessa Expo è vinta, i padiglioni sono bellissimi, e l'Italia si vestirà d'orgoglio e bellezza di fronte al mondo. Perché l'Expo non sarà semplicemente una fiera, ma una gigantesca occasione in cui l'Italia riflette su se stessa e accetta la sfida del futuro. Sarà una grande sfida culturale, sarà l'Expo con il maggior numero delegazioni straniere, la più alta concentrazione di ideale per dire che l'Italia non è solo terra del passato ma del futuro. Dichiarare guerra alla fame nel mondo, lottare per un pianeta sostenibile, mostrare il volto gentile dell'Italia. Accogliere 20 milioni di visitatori sarà la sfida del 2015 del nostro paese. Possiamo vincerla tutti insieme, nessuno si senta escluso", conclude Renzi. 

Anche il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina lancia un messaggio rassicurante a quattro giorni dall'inaugruazione di Expo. "Queste sono le ore del lavoro di completamento per diversi padiglioni ma io vi dico - rivolto ai giornalisti a margine della conferenza sul progetto del WWF - abbiate fiducia perchè il 1 maggio vedrete un'Expo aperta in tutta la sua potenza". Martina spiega che "si sta lavorando sulle rifiniture, come è ovvio che sia, è come quando apri una casa e per la prima volta devi andare ad abitarci. Ovviamente ci sono ancora diverse cose da fare in una fase finale: stiamo lavorando tantissimo, ci sono migliaia di operai". Il ministro ha poi voluto sottolineare che si tratta di "uno dei cantieri più grandi d' Europa se non il più grande quindi, ha una complessità che va riconosciuta".

Il ministro Martina parla anche della Carta di Milano - che verrà presentata domani - e spiega che "è una Carta impegnativa, non costruita per fare qualche titolo. Se avessimo lavorato così - aggiunge Martina - avremmo messo giù 4 temi classici e magari ragionato più sulle parole che fanno marketing piuttosto che su quelle che fanno contenuto. Io penso che la Carta - conclude Martina - già solo per il percorso che ha prodotto e produrrà è una novità assoluta. Poi penso che sui contenuti ritroverete tutte le grandi chiavi di lettura fondamentali per interpretare la sfida alimentare".
Condividi