Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Facebook-ecco-la-prima-fake-news-scovata-bufala-e-bollata-come-disputed-25ac30b6-2e5d-4752-865d-54aab7198619.html | rainews/live/ | true
MONDO

Facebook, ecco la prima fake news: bufala scovata e bollata come "disputed"

Il 3 marzo negli Usa è comparsa la prima etichetta in calce a una notizia su Donald Trump: per il social è iniziata la nuova era annunciata da Zuckerberg nel suo 'manifesto' (e dopo le polemiche sulla disinformazione pro-tycoon durante le presidenziali americane)

Condividi

Quella storia fasulla su Donald Trump che tuo zio ha postato su Facebook? E' ancora là. Ma è stata 'bollata' con una label, un'etichetta di avvertimento, un tag che avvisa gli utenti che potrebbe trattarsi di una fake new, di un falso.  Dal 3 marzo, infatti, il social network ha avviato la nuova politica annunciata da Mark Zuckerberg già a dicembre e poi rilanciata nel suo 'manifesto'.

La prima scritta ”Disputed by Snopes.com and PolitiFact” è comparsa venerdì scorso negli Usa in calce a una notizia diffusa dal “Seattle Tribune"  il 26 febbraio dal titolo “Dispositivo Android di Trump crede di essere la causa delle recenti fughe di notizie dalla Casa Bianca”. “Disputed”, cioè “contestata”, con tanto di rimando ai siti fact-checking (nello specifico Snopes.com e PolitiFact) che spiegano perché quella notizia “non è vera”. Non è, cioè, Facebook a stabilire che si tratta di un fake, il social si è affidato a siti che analizzano le notizie e ne stabiliscono la veridicità. E, in nome della libertà di espressione, bolla ma non cancella la notizia.



Nel caso del “Seattle Tribune” l’operazione è stata parecchio semplice, considerato che non si tratta di un vero e proprio giornale e che, per  stessa ammissione del Seattle, è un sito di “notizie, intrattenimento e satira pubblicate nel web”, e che le "notizie contenute all'interno della Seattle Tribune sono inventate". Nonostante questo, la notizia ha circolato senza etichetta per diversi giorni, tanti quanti sono stati necessari a Snopes e PolitiFact per passare al setaccio gli articoli postati su Facebook. E questo punto ha già aperto qualche discussione negli Usa. Del resto, le nuove misure adottate da Zuckerberg  nascono dalle polemiche sul ruolo che il social avrebbe avuto durante le presidenziali Usa, sulla disinformazione che avrebbe favorito l’elezione di Donald Trump. La tempistica sembra essere il nuovo scoglio da superare. 

Condividi