ITALIA

E' un ghanese di 39 anni

Fermato il "vandalo" della basilica di Santa Prassede e di altre 3 chiese romane

L'uomo è stato catturato dalla polizia in via Ripetta grazie alle segnalazioni di alcuni testimoni

Condividi
E' finita la fuga del "vandalo" di Santa Prassede. L'uomo è stato riconosciuto grazie alle testimonianze di alcuni cittadini e bloccato dalla Polizia in via di Ripetta, in pieno centro a Roma.

Ghanese, 39 anni, con precedenti, è ritenuto responsabile del danneggiamento, tra ieri sera e questa mattina, di alcune statue all'interno di 4 chiese nel centro di Roma.

Verso le 19:30 di ieri la prima segnalazione giunta alla Sala Operativa della Questura da parte del parroco della chiesa di San Martino ai Monti; il sacerdote ha riferito di un uomo che aveva danneggiato una statua per poi velocemente fuggire. Un'altra segnalazione è giunta poco dopo; a chiamare, questa volta, il parroco della Basilica di Santa Prassede, nei pressi di Santa Maria Maggiore. Qui l'uomo ha danneggiato 2 statue per poi far perdere le proprie tracce.

Questa mattina intorno alle ore 10:10  una nuova segnalazione del medesimo atto vandalico all'interno della chiesa di San Vitale in via Nazionale e, dopo pochi minuti, un'altra dalla chiesa di San Giovanni in piazza dell'Oro.

Le pattuglie dei Commissariati di zona e del reparto Volanti, con le descrizioni fornite dai testimoni, tutte molto simili, hanno "battuto" le vie del centro storico riuscendo ad individuarlo in via di Ripetta. 
L'uomo è stato sottoposto a fermo per vilipendio alle istituzioni religiose con l'aggravante dell'odio religioso. Durante l'ultimo danneggiamento si è ferito a un piede, quindi è stato visitato in ospedale prima di essere condotto nel carcere di Regina Coeli.
Condividi