Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Festa-del-cinema-la-battaglia-per-i-diritti-degli-omosessuali-di-Ellen-Page-e-Julianne-Moore-d87a25f7-c503-4b4e-a6af-494ff84809cc.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

Auditorium Parco della Musica

Festa del cinema. Freeheld, la battaglia per i diritti degli omosessuali di Julianne Moore

Oggi è il giorno di Freeheld, sul red carpet Ellen Page, l'attrice di Juno. Incontro ravvicinato con Paolo Sorrentino

(julianne Moore)
Condividi
di di Stefano Masi e Laura Squillaci Il film di punta della domenica alla Festa del Cinema è un film d'amore, un film politico. Ispirato a una storia vera, già portata sul grande schermo in un documentario vincitore del premio Oscar. Peter Sollett nel suo "Freeheld" racconta la battaglia combattuta da due donne che si amano e si battono per veder riconosciuti i propri diritti civili. 

A Laurel, pluridecorata detective, viene diagnosticato un cancro. Vorrebbe che la propria pensione andasse alla compagna di una vita Stacie. Ma i funzionari della contea non riconoscono il diritto alla reversibilità per le coppie gay. 

Protagoniste di questa dolcissima e combattuta storia d'amore sono Ellen Page (nella foto), sul tappeto rosso dell’Auditorium, e una bravissima Julianne Moore. Dopo aver vinto un Oscar per Still Alice, dove era una donna colpita da Alzheimer precoce, qui interpreta magistralmente una malata all'ultimo stadio. Nel cast anche Michael Shannon e Steve Carell.



Arriva dal Messico “Distancias Cortas”, opera-prima del regista Alejandro Guzman Alvarez: una malinconica commedia sull’amicizia che può salvare la vita, anche quando tutto sembra perduto. E’ la storia di un uomo prigioniero del suo corpo da 200 chili e passa. Schiavo della solitudine, scoprirà nella fotografia una maniera per uscire dal suo isolamento.  

L’ex-direttore della fotografia Yves Angelo è il regista del mélo familiare, “Au plus près du soleil”. I turbamenti di una giudice che deve decidere la sorte di una donna accusata di gravi nefandezze. Ma quella donna – si scopre - è la madre biologica del bambino che il magistrato ha adottato. E un amore clandestino complicherà ancor di più le cose. Insomma, un vero labirinto di colpe. 

Per la serie Incontri ravvicinati oggi è il giorno di Paolo Sorrentino che mostrerà agli spettatori le sequenze dei film che hanno segnato la sua carriera e presenterà in prima mondiale un inedito di quindici minuti: “La fortuna”, episodio da lui diretto nel film collettivo Rio, Eu te amo.



In omaggio al regista sono previsti altri due grandi eventi: il 24 ottobre come film conclusivo della Festa sarà proiettata una versione director’s cut de La grande bellezza, con quaranta minuti di scene inedite, e, nella stessa giornata, sarà la volta del documentario Cercando la grande bellezza di Gianluca Jodice, film che ricostruisce il modo di pensare e fare cinema di Sorrentino.
Condividi