ITALIA

Molfetta (Bari)

Finisce in mare con l'auto assieme alla moglie. Ma era un tentato omicidio-suicidio

L'uomo, un pensionato di 78 anni, è finito ai domiciliari

Condividi
Era apparso come un incidente automobilistico, per fortuna senza gravi conseguenze. Ma si trattava di un tentativo di omicidio-suicidio.

Un uomo di 78 anni è finito agli arresti domiciliari dopo essersi lanciato, con la sua auto - a bordo anche la moglie 51enne - nelle acque del porto di Molfetta. Il fatto è accaduto il 12 settembre. I due sono rimasti praticamente illesi, sebbene sotto shock.

Ssecondo quanto ricostruito dai carabinieri, l'uomo voleva uccidere la donna e suicidarsi, gettandosi con l'auto in mare. Le telecamere di sicurezza della zona hanno ripreso la vettura che si muoveva a grande velocità in direzione del porto, mentre la donna avrebbe anche cercato di uscire al volo dal veicolo senza riuscirci. L'intervento dell'equipaggio di un peschereccio, della Capitaneria di porto, dei Carabinieri e della Guardia di finanza aveva comunque evitato il peggio.

A confermare i fatti anche la donna, nei confronti della quale il pensionato nutriva una forte gelosia. Alcuni testimoni oculari, ascoltati dagli inquirenti, hanno inoltre raccontato di aver assistito ad una violenta discussione tra i due.

L'uomo è finito agli arresti domiciliari su disposizione del procuratore di Trani, Antonino Di Maio. L'arresto è stato convalidato dal gip Francesco Messina. 
Condividi