ITALIA

Sesto Fiorentino

Rogo nel capannone che ospita decine di migranti: un morto e due feriti a Firenze

Lo stabile che un tempo ospitava il mobilificio Aiazzone, in via Avogadro, era stato occupato nel dicembre 2014 da una cinquantina di extracomunitari. Una comunita' poi praticamente raddoppiata

L'ex mobilificio Aiazzone teatro del rogo
Condividi
E' di un morto e due feriti, che non sarebbero gravi, il bilancio di un incendio scoppiato nella tarda serata di ieri nell'ex mobilificio Aiazzone a Sesto Fiorentino (Firenze), da due anni occupato, e dove vivevano un'ottantina extracomunitari, per lo piu' somali.

Al divampare delle fiamme, scoppiate per cause da accertare, tutti si sono salvati tranne un 35enne. E' stato ritrovato all'interno del fabbricato dai Vigili del fuoco, intervenuti con 35 uomini e piu' mezzi.

Le condizioni dell'uomo sono apparse subito critiche, e' stato a lungo rianimato, inutile poi la corsa in ospedale. Portati via dall'ambulanza anche altri due stranieri perche' intossicati: dal 118 si spiega che le loro condizioni non sarebbero preoccupanti.  


Lo stabile che un tempo ospitava il mobilificio Aiazzone, in via Avogadro, era stato occupato nel dicembre 2014 da una cinquantina di extracomunitari, tutti, secondo quanto spiegato all'epoca dal Movimento di lotta per la casa, profughi richiedenti asilo che erano stati in precedenza ospitati per alcuni mesi in strutture di accoglienza. Una comunita' poi praticamente raddoppiata.

Per loro ora la notte proseguira' in tenda: il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, arrivato a sua volta in via Avogadro dove sono intervenuti carabinieri, polizia, vigili urbani, protezione civile e sanitari, ha cercato soluzioni contattando anche i comuni vicini e la prefettura. Ma gli extracomunitari non hanno voluto andarsene, non volevano dividersi. Sono rimasti vicino all'ex capannone: per loro, nell'attesa, distribuite coperte e bevande calde, date le rigide temperature. Proprio per il freddo era stato montato anche un punto medico avanzato. Alla fine e' stato deciso di allestire due grandi tende, nella vicina piazza Marconi.  

Intorno alle due si e' poi concluso l'intervento dei pompieri: spente le fiamme, ultimate le verifiche all'interno dell'immobile, suddiviso in tanti locali dagli occupanti, per accertarsi che non ci fosse qualcun altro. I controlli sono stati negativi: nessun disperso, hanno confermato i Vigili.

Migranti protestano davanti a prefettura Firenze 
Alcuni migranti stanno protestando davanti alla prefettura di Firenze. Alì Muse "morto - urlano - per colpa dello Stato". 

Aperta inchiesta omicidio colposo
La procura di Firenze ha aperto un fascicolo sull'incendio valutando come prime ipotesi di reato quelle di incendio colposo e omicidio colposo. Gli uffici stanno ricevendo i primi rapporti di polizia giudiziaria e al momento l'ipotesi è che l'incendio abbia avuto cause accidentali.
Condividi