SCIENZA

Caso presentato sul Canadian Medical Association Journal

Firenze: ragazza 21 anni suda sangue, malattia rarissima

Il fenomeno compare su mani e viso senza che ci sia alcuna lesione. La diagnosi finale è stata 'ematoidrosi', una condizione molto rara anche se già descritta in precedenza in letteratura. Caso trattato da due ricercatori dell'università di Firenze

Condividi
Una ragazza di 21 anni letteralmente suda sangue dal palmo delle mani e dal viso, senza che ci sia alcuna lesione a giustificare il sanguinamento. Il caso è stato presentato da due ricercatori dell'università di Firenze sul Canadian Medical Association Journal, e la diagnosi finale è stata 'ematoidrosi', una condizione molto rara anche se già descritta in precedenza in letteratura.

La giovane, si legge nell'articolo, è arrivata all'ospedale quando il sintomo si manifestava già da tre anni. "Non c'era alcuna causa scatenante visibile per il sanguinamento - scrivono Roberto Maglie e Marzia Caproni del dipartimento di Dermatologia -, che poteva avvenire mentre la donna dormiva o durante l'attività fisica. La paziente ha dichiarato che il fenomeno era più intenso durante i periodi di maggior stress, con episodi di durata da uno a cinque minuti".

La condizione, spiegano gli autori dell'articolo, ha portato la donna a una condizione psicologica particolarmente fragile. "La paziente è diventata socialmente isolata a causa dell'imbarazzo provocato dal sanguinamento - scrivono -, e ha riportato sintomi compatibili con un depressione maggiore e un disturbo da panico".

L'ematoidrosi è una condizione descritta raramente in letteratura, tanto che in alcuni libri di testoè  definita come ancora non scientificamente provata. Un caso, riguardante un uomo di 72 anni, è stato riportato nel 2009 dall'Indian Journal of Dermatology, che ne ha descritti altri due nel 2010 e nel 2013. Sempre nel 2013, il caso di una ragazza con questa condizione è stato invece descritto dalla rivista specializzata in ematologia Blood.
Condividi