Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Fmi-fondo-monetario-taglia-il-Pil-Italia-1-per-cento-nel-2016-rallentamentoglobale-Brexit-fa-paura-d1cfc2a3-9070-401b-b79a-77223ca7aa17.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Il report di Washington

Il fondo monetario taglia il Pil dell'Italia: +1% nel 2016. Frenata globale, Brexit fa paura

Secondo le stime contenute nel Def il Pil italiano crescerà dell'1,2% nel 2016, dell'1,4% nel 2017 e dell'1,5% nel 2018. Ma il Fondo Monetario corregge: crescita più bassa del previsto

Condividi
Gelata di primavera sull'economia mondiale, che rischia di precipitare in una "stagnazione secolare". L'allarme e' del Fondo monetario internazionale che nel suo rapporto di primavera taglia le previsioni di crescita e invita i Governi a preparare "piani di emergenza" per fronteggiare eventuali nuovi shock.

La Brexit fa paura
A partire dalla possibilita' che il referendum del 23 giugno sancisca l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea. La "Brexit", avvertono gli economisti di Washington, provocherebbe "un grave danno regionale e globale mettendo a rischio relazioni commerciali costituite".    

L'Italia cresce meno del previsto
A fare le spese della sforbiciata alle stime e' ovviamente anche l'Italia su cui grava in particolare il peso delle sofferenze bancarie. La crescita, secondo l'Fmi, dovrebbe fermarsi all'1% nel 2016, contro l'1,3% stimato a gennaio, e all'1,1% nel 2017, contro l'1,2% precedentemente indicato.

Numeri inferiori a quelli pubblicati nel Def varato dal Governo venerdi' scorso, che punta su un incremento del Pil dell'1,2% per quest'anno. Sul fronte del disavanzo, il Fondo monetario prevede un deficit/Pil al 2,7% nel 2016, in calo all'1,6% nel 2017. Il pareggio del bilancio strutturale e' atteso nel 2021. Il debito e' stimato al 133% del Pil nel 2016, al 131,7% nel 2017 e al 121,6% nel 2021.  

Renzi da Teheran: non sono preoccupato
In visita in Iran il Presidente del Consiglio ha detto di non essere preoccupato, in quanto "l'Italia continuerà il trend di crescita" e il Fondo monetario internazionale ha ridotto le stime mondiali, non solo quelle italiane. Il premier ha quindi scherzato, dicendo che "dobbiamo uscire da questo costante esercizio intellettuale delle previsioni: sono talmente tante che soltanto per orientarsi tra gli acronimi ci vuole un moderno Virgilio". 


Ridurre cuneo fiscale e tasse distorsive
 Per sostenere la crescita e creare lavoro, sottolinea Gian Maria Milesi-Ferretti, vice direttore delle ricerche del Fondo monetario internazionale, l'Italia "dovrebbe ridurre il cuneo fiscale e le tasse distorsive. Quando i margini della politica tradizionale sono limitati, spiega, "questa e' da sempre una strada da seguire - per sostenere la crescita".

Rallentamento globale
A livello globale il Fondo prevede che la l'aumento del Pil mondiale si attestera' quest'anno al 3,2%, contro il 3,4% della previsione pubblicata a gennaio, per poi salire del 3,5% nel 2017, a fronte della precedente stima del 3,6%. Numeri insufficienti. La crescita, rileva il capo economista del Fondo, Maurice Obstfeld, "continua ma ad un ritmo sempre piu' insoddisfacente, lasciando il mondo piu' esposto a rischi al ribasso: la crescita e' troppo lenta da troppo tempo". La revisione al ribasso delle stime", aggiunge, "riflette un generale rallentamento in tutti i gruppi di paesi" e "sviluppi positivi appaiono ora meno probabili".    




Frena anche Washington, Cina in controtendenza
Il Pil Usa e' stato rivisto al ribasso dello 0,2% nel 2016 a +2,4% e dello 0,1% nel 2017 a +2,5%. Nell'area euro, la stima  e' stata tagliata all'1,5% per il 2016 e all'1,6% per il 2017, rispetto all'1,7% precedentemente indicato per entrambi gli anni. Gli economisti di Washington prevedono inoltre una contrazione del Pil in Russia pari all'1,8% quest'anno (-0,8%), mentre per la Cina, praticamente unica al mondo, le prospettive sono migliorate, con il Pil rivisto al rialzo dello 0,2% sia quest'anno sia nel 2017, rispettivamente a +6,5% e +6,2%.    

"Non si può più sbagliare"
Il peggioramento delle prospettive economiche globali impone "una immediata vigorosa risposta", insiste l'istituzione di Washington, e "non c'e' piu' molto margine di errore". In questo contesto, i governi "devono concentrarsi su due compiti" precisa Obstfeld: il primo e' "il rafforzamento della crescita", importante in se' ma anche come antidoto contro rischi al ribasso; il secondo e' "preparare piani di emergenza".    

Draghi promosso
Promossa e' la politica monetaria della Bce che, dice il Fondo, "deve continuare a segnalare con forza la sua volonta' di utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione fino a che non sara' raggiunto l'obiettivo di stabilita' dei prezzi". Mentre sull'Europa grava anche "la catastrofe umanitaria" dei migranti che, dicono a Washington, sta minando l'essenza stessa dell'Unione europea. 
Condividi