ECONOMIA

Pubblicata la classifica annuale degli uomini e donne più ricchi del mondo

Forbes: Bill Gates è sempre l'uomo più ricco del mondo. Trump perde 220 posizioni

Bill Gates
Condividi
Bill Gates si conferma l'uomo più ricco al mondo, secondo l'annuale classifica del magazine Forbes in cui, quest'anno, si evidenzia l'ascesa dei guru high tech della Silicon Valley.
Il cofondatore di Microsoft, 61 anni, è in cima alla classifica per il quarto anno di fila, con un patrimonio da 86 miliardi di dollari. Nell'ultimo anno la sua ricchezza è cresciuta di 11 miliardi.
 
Al secondo posto c'è Warren Buffett, con 75,6 miliardi di dollari, seguito dal fondatore di Amazon, Jeff Bezos, con 72,8 miliardi di dollari. Tra lui e l'altro grande guru tech, Mark Zuckerberg che si piazza quinto, c'è lo spagnolo Amancio Ortega, il fondatore di Zara.
 
L'ex sindaco di New York, Michael Bloomberg è invece al decimo posto, mentre i fondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin, sono al dodicesimo e tredicesimo. E gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di miliardari, 565.
 
Tre gli italiani nella top 100 dei super ricchi: Maria Franca Fissolo, vedova di Michele Ferrero, 29esima e quarta donna più ricca al mondo. Al 50esimo posto, Leonardo Del Vecchio, l'industriale degli occhiali e, all'80esimo, Stefano Pessina, industriale del ramo farmaceutico. Con un patrimonio stimato di 7 miliardi di dollari Silvio Berlusconi rientra nella Top 200, piazzandosi al 199esimo posto rispetto al 203esimo dello scorso anno.
 
Il presidente Donald Trump è scivolato di 220 posizioni nella classifica Forbes. Trump si è piazzato solo al 544esimo posto nella classifica, alla pari con altri 19 miliardari. Forbes stima la ricchezza del presidente americano in 3,5 miliardi di dollari, 200 milioni di dollari in meno rispetto a prima di diventare presidente, complice la frenata mercato immobiliare a Manhattan, nella zona 'midtown'. "Il 40% della fortuna di Trump è legato alla Trump Tower e ad altri 8 edifici a circa un chilometro e mezzo di distanza. Ciò che accade in quel micro mercato impatta la ricchezza netta di Trump più di ogni altra parte del mondo", osserva Forbes.
 
Il magazine segnala inoltre come Trump abbia donato 66 milioni di dollari alla sua campagna presidenziale e 25 milioni per patteggiare l'azione legale della Trump University. Per contro, "dall'elezione, l'iscrizione al suo resort di Palm Beach è raddoppiata a 200.000 dollari e gli attici nelle sua proprietà a Las Vegas sono schizzati a prezzi record mentre gli ospiti hanno pagato fino a 18.000 dollari a notte per stare nel suo hotel di Washington Dc durante l'inaugurazione".
Condividi