Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Formula-1-Montecarlo-Ricciardo-Vettel-Red-Bull-Ferrari-Mercedes-c6406256-f27c-443b-862c-9ea81da05da9.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Posizioni di vertice sempre cristallizzate in una gara senza acuti

Ricciardo su Red Bull vince il Gp Monaco, Vettel è secondo davanti a Hamilton

Settima vittoria in carriera, la prima a Montecarlo, per Daniel Ricciardo che conquista il secondo successo stagionale in Formula 1 dopo il Gp di Cina. Il pilota australiano, a suo agio sul circuito cittadino monegasco dove è partito dalla pole, conclude i 78 giri del GP davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel e alla Mercedes del campione del mondo in carica Lewis Hamilton

Condividi
A Montecarlo prime quattro posizioni senza sorprese rispetto alle qualifiche: vince la Red Bull di Ricciardo davanti alla Ferrari di Vettel. Sul podio anche la Mercedes di Hamilton. Quarta l’altra ‘Rossa’ di Raikkonen. Per Ricciardo settima vittoria in carriera, prima a Montecarlo.

Ottima partenza di Ricciardo che mantiene la posizione mentre Vettel difende bene la seconda piazza dall'attacco di Hamilton. Raikkonen si avvicina a Hamilton mentre Bottas non sembra essere in grado di mantenere lo stesso ritmo del pilota della Ferrari. Al 12° giro Hamilton monta le ultrasoft seguito dopo 4 giri da Vettel. Bottas opta per le super soft. Non si sono grandi emozioni se si eccettua la rimonta di Verstappen che dall’ultima posizione è decimo dopo 22 giri. L’incertezza riguarda le scelte delle gomme: le ultra soft in teoria non sono in grado di poter reggere cinquanta giri. Al giro 26 Ricciardo sembra perdere qualcosa ripetto a Vettel (pare manifestarsi di un calo di potenza sulla sua Red Bull), riesce comunque a tenere dietro il tedesco. Bottas si mette sulla scia di Raikkonen e Hamilton, probabilmente vuole sfruttare la diversità delle sue gomme.

Ricciardo recupera dalle difficoltà e tiene a distanza Vettel mantenendo un buon distacco: a metà gara mantiene saldamente la testa della corsa. Intorno al giro 44 Hamilton accorcia su Vettel. Il britannico comincia a pensare a un cambio di strategia considerato il degrado evidente delle ultrasoft sia sulla Ferrari che sulla sua Mercedes. Il primo a montare le super soft in questa fase è Verstappen mentre il terzetto in testa con Ricciardo, Vettel e Hamilton è racchiuso in 3 secondi e nessuno dei tre osa il pit stop. Al giro 51 Alonso si ferma mestamente, ancora tradito dal motore della sua McLaren. Verstappen continua a risalire e si mette dietro la Renault di Sainz puntando quella di Hulkenberg. A 15 giri dal termine Vettel cerca di insidiare Ricciardo che non cede. La lotta più interessante è tra Verstappen e Hulkenberg per l’ottava pozizione. A 6 giri dal termine Leclerc tampona Hartley e finisce dritto in uscita dal tunnel; virtual safety car che cristallizza ancora di più le posizioni.

Ricciardo taglia per primo il traguardo e si aggiudica il Gran premio di Montecarlo; podio anche per Vettel e Hamilton, rispettivamente secondo e terzo. Grande prova per il pilota australiano, che ha comandato la gara fin dalla partenza. Quinto Valtteri Bottas, ottima sesta posizione per Esteban Ocon con la Force India. Settimo l'altro francese Pierre Gasly con la Toro Rosso, quindi la Renault di Nico Hulkenberg e la Red Bull di Max Verstappen che era partito ultimo. A chiudere la Top10 Carlos Sainz con  la Renault.
Condividi