Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/France-Gall-d429da73-37ca-48df-bd0a-019d4eaf22bc.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

Il successo in Italia arrivò nel 1969 con "La pioggia"

Addio a France Gall, icona della musica francese

Appena sedicenne, nel 1963, France Gall scalò le classifiche dei dischi più venduti in Francia con la canzone "Ne sois pas si bête". Nel 1965 vinse l'Eurofestival Song Contest, svoltosi a Napoli, con un brano pubblicato scritto da Serge Gainsbourg, dal titolo "Poupée de cire, poupée de son", di cui esiste la versione italiana dal titolo "Io si, tu no"

Condividi


La cantante francese France Gall, che legò la sua fama alla moda e alla musica leggera yéyé in voga tra gli adolescenti degli anni '60, è morta questa mattina a Neuilly-sur-Seine in seguito ad un tumore. Aveva 70 anni ed era figlia del paroliere Robert Gall, autore di testi per Charles Aznavour e Edith Piaf. L'annuncio della scomparsa è stato dato dalla sua portavoce Geneviève Salama, precisando che la popolare cantante era stata ricoverata nel mese di dicembre in ospedale per una grave infezione. Appena sedicenne, nel 1963, France Gall scalò le classifiche dei dischi più venduti in Francia con la canzone "Ne sois pas si bête". Nel 1965 vinse l'Eurofestival Song Contest, svoltosi a Napoli, con un brano pubblicato scritto da Serge Gainsbourg, dal titolo "Poupée de cire, poupée de son", di cui esiste la versione italiana dal titolo "Io si, tu no".

La partecipazione di Gall all'Eurofestival, sotto la bandiera del Lussemburgo, risultò un particolare episodio negativo per la sua carriera in Francia, tant'è che la cantante dall'anno dopo, il 1966, incise sopratutto canzoni in tedesco, fino al 1972. In Italia il successo arrivò nel 1969, quando partecipò al Festival di Sanremo in coppia con Gigliola Cinquetti, interpretando il brano "La pioggia". Il brano lo presentò anche in uno dei programmi Rai più seguiti in quel momento: "E' domenica ma senza impegno". Tra i conduttori: Ombretta Colli. 

Sposatasi nel 1976 con il paroliere Michel Berger, riduce l'attività artistica per dedicarsi ai figli Pauline e Raphael. Darà un definitivo addio alla canzone dopo due gravi lutti: la morte del marito a soli 44 anni nel 1992 e quella della figlia 19enne Pauline per una fibrosi cistica nel 1997.
 
Condividi