Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Fratelli-Italia-e-Lega-in-piazza-a-Montecitorio-per-protestare-contro-il-governo-a943a99f-db35-49c3-8875-6f533f3ebb23.html | rainews/live/ | true
POLITICA

"Contro i ladri di democrazia"

Fratelli d'Italia e Lega in piazza a Montecitorio per protestare contro il governo

"Elezioni, elezioni, elezioni". Il popolo di Fratelli d'Italia e Lega manifesta in piazza Montecitorio, mentre alla Camera, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si presenta ai deputati con le linee programmatiche del nuovo governo M5S-Pd

Condividi
"Questo governo non piace agli italiani per le stesse ragioni per cui piace alle grandi consorterie europee". Così in piazza Montecitorio Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, alla protesta che ha organizzato contro il governo Conte bis, alla quale ha aderito anche la Lega.  Alla manifestazione, secondo gli organizzatori, hanno preso parte 60mila persone, di cui 30 mila bloccate nelle vie del centro. Con Giorgia Meloni e Matteo Salvini anche Giovanni Toti.

"Questo governo andrà in ginocchio in Europa, a fare gli interessi di qualcuno che non sono gli italiani", ha detto Giorgia Meloni. - "Continuate a battervi con noi, ci saremo, nei palazzi e nelle piazze, finché questo scempio non avrà fine. Un grande bentornato al mio amico Matteo Salvini". Così Giorgia Meloni in piazza Montecitorio dal palco della manifestazione contro il governo Conte bis.  "La cosa scandalosa è che questi qua sanno benissimo che stanno facendo una cosa che gli italiani non vogliono, e siccome sanno di non poter vincere le elezioni, le rubano. Sono ladri di democrazia, di sovranità", ha detto Meloni. 

"Faremo una opposizione in modo serio in Parlamento e in mezzo alla gente, da nord a sud, città per città", ha assicurato il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando dal palco della manifestazione contro la nascita del governo Conte bis. "Di Maio? Ognuno sceglie il suo destino, io sono orgoglioso della risposta degli italiani. Qualcun altro ha fatto i conti sul suo interesse personale", ha detto Salvini. "Possono scappare dal voto per qualche mese ma non possono all'infinito e quando si tornerà al voto vinciamo noi", ha detto il leader della Lega. "Non molliamo", ha aggiunto Salvini, acclamato dalla folla.  "Ci rivediamo in piazza il 19 ottobre, magari a piazza San Giovanni, senza bandiere".  Matteo Salvini lasciando il palco di piazza Montecitorio, rilancia la  manifestazione della Lega,  proponendo la storica piazza della sinistra  per la manifestazione di ottobre.

"I Cinque stelle sono parte del sistema come il PD. Sono i peggiori voltagabbana che si siano mai visti", ha detto la leader di FdI. "Noi lo sapevamo- aggiunge- per questo dicevamo 'mai col M5S". Fischi della piazza quando Meloni nomina Alessandro Di Battista.

"Il massimo obiettivo di questo teatrino al governo è il presidente della Repubblica, al quale vogliono mettere un campione mondiale di svendita dell'Italia, Romano Prodi: questo è quello che hanno in mente. Ma non ci arriveranno", ha detto la leader di Fratelli d'Italia.

Al termine della manifestazione organizzata da Fratelli d'Italia in piazza Montecitorio, Giorgia Meloni ha srotolato un lungo tricolore. Salita al secondo piano del Colonna Palace hotel che si affaccia proprio sulla piazza, mentre partiva a tutto volume l'Inno di Mameli, la Meloni ha mostrato tra gli applausi il lungo drappo.

"Il modo migliore per dire 'no' al Governo del palazzo è scendere in piazza, in mezzo alla gente". Così il presidente della Regione Liguria e leader di Cambiamo! Giovanni Toti stamani via Facebook, con un selfie insieme a Matteo Salvini e Giorgia Meloni, sintetizza il perché della sua partecipazione alla manifestazione di piazza contro la nascita del Governo Conte bis.

"Elezioni subito!", "Bibbiano, noi non dimentichiamo!", "Voce al popolo sovrano, ridateci l'Italia!". E iniziata con un tifo da stadio la manifestazione contro il governo. Mentre la Camera si apprestava a votare la fiducia al Conte Bis. Bandiere italiane in mano, cappellini tricolore, palloncini, cartelli che dicono 'No al governo della poltrona'. "Sono inc... nera -dice una signora all'Adnkronos- questo inciucio è vergognoso, sono riusciti a riesumare Renzi, che era stato cacciato dal popolo italiano". Si avvicina un ragazzo. "Voglio dire che voglio un governo che faccia finalmente gli interessi degli italiani, e che non svenda il nostro paese -dice con la voce incrinata- sono preoccupato per il mio futuro!". Tra la folla tanti tesserati del partito di Giorgia Meloni, ma anche molti appartenenti alla Lega. "Io sono della Lega -dice una ragazza- Salvini è stato ingenuo, non aveva ben capito che aveva a che fare con degli avvoltoi. Bisogna andare a elezioni subito!".

Condividi