Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Frecciarossa-cancellato-capotreno-scopre-macchinisa-ubriaco-tasso-alcolemico-quattro-volte-sopra-f83f28e3-9d99-42e2-b0d8-230805c252ad.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Brescia

Frecciarossa cancellato: capotreno scopre macchinista ubriaco, tasso alcolemico quattro volte sopra

A riferirlo è la Polfer Lombardia. Il fatto è avvenuto questa mattina. Il treno, diretto da Brescia a Napoli, è stato fermato da Trenitalia prima che partisse . Il secondo macchinista non si è nemmeno presentato per prendere servizio

Condividi

Il macchinista del treno Frecciarossa 9604 Brescia-Napoli delle 5.17 che questa mattina è stato fermato da Trenitalia prima ancora che partisse aveva un tasso alcolemico pari a 1,95 grammi per litro, quando il limite fissato dalla legge - per tutti, indistintamente - è di 0,5.

A riferirlo è la Polfer Lombardia, guidata dalla dirigente Maria Chiara Bacca, intervenuta per gli accertamenti dopo la segnalazione del capotreno che qualcosa non andava nel macchinista che si era presentato per prendere servizio e il controllo del convoglio ferroviario, mentre il secondo macchinista in turno non si era nemmeno presentato. Stando al racconto degli agenti, ieri sera i due macchinisti, originari del Lazio, avrebbero dovuto trascorrere la notte nel capoluogo lombardo, dormendo in un albergo indicato da Trenitalia, per poi partire l'indomani di prim'ora. I due sono andati a cena fuori e hanno quindi fatto rientro in hotel.

Questa mattina solo il più grande in età dei due, un 35enne, si è mosso dall'albergo. I secondo, un 23enne, vi è invece rimasto e successivamente - una volta rintracciato - è stato portato in ospedale da personale del 118, visto il forte stato di alterazione in cui è apparso. Il collega, nel frattempo, aveva raggiunto la stazione ferroviaria di Brescia, avviato i motori del treno, ma non aveva attivato l'apertura delle porte di accesso alle carrozze e i passeggeri sono quindi rimasti sulla banchina. Sul luogo è arrivato il capotreno che si è subito accorto che il collega macchinista non sarebbe stato in grado di stare ai comandi del Frecciarossa. Con un treno sostitutivo i passeggeri sono stati trasportati alla Stazione Centrale di Milano, da dove poi hanno proseguito per le successive destinazioni. Avvisata, è arrivata la Polizia ferroviaria che, all'interno della cabina di pilotaggio, ha trovato il macchinista in uno stato - viene riferito - molto alterato, lo ha quindi fatto scendere e portato in ufficio. L'uomo ha raccontato della serata trascorsa, ovvero della cena fuori con il suo collega, e si è sottoposto all'alcoltest da parte della Polizia stradale, fatta intervenire a sua volta, ed è risultato un tasso etilico pari a 1,95. Gli atti sono stati trasmessi in procura, a Brescia: i due saranno denunciati ma il reato deve ancora essere stabilito dal pm.

Condividi