Logo Rai
FOOD

Innovazione

Future Food Accelerator, il supporto per le startup del cibo

Il progetto ha lo scopo di supportare startup con progetti distintivi e ad alto potenziale di crescita

Getty Image (foto d'archivio)
Condividi
Le startup del settore alimentare avranno un alleato: il Future Food Accelerator, un acceleratore verticale dedicato alle giovani imprese innovative che sviluppano servizi, prodotti e soluzioni legate al mondo del food.

Il progetto italiano ha lo scopo di supportare startup con progetti distintivi e ad alto potenziale di crescita, promuovendo inoltre l'open innovation tra le startup, le imprese e l'ecosistema del settore. Per il 2016 è previsto il lancio di due call di accelerazione, una sul Food Retail (la vendita e la distribuzione) da aprile a giugno con un intero mese per testare i prototipi sul mercato e una sul Future Food (innovazione nel settore) da settembre a dicembre.

L'idea - promossa da Andrea Magelli e Sara Roversi (founder di You Can Group e Future Food Institute), Antonio Perdichizzi (founder di Tree), Matteo Vignoli (direttore accademico del Food Innovation Program), e Alessandro Pirani (trustee del Future Food Institute) - è stata presentata oggi a Bruxelles, dopo il debutto avvenuto in Italia lo scorso 14 dicembre a Milano, in occasione della Start Up Open Summit. Il progetto è stato lanciato alla presenza del mondo delle imprese e delle istituzioni, ma sopratutto di alcuni tra i maggiori protagonisti a livello internazionale nel mondo del food, del digitale e dell’innovazione: come Rebecca Chesney, Institute for the Future e Future Food Lab, e Tim West, Future Food Hack a San Francisco.

Questo acceleratore nasce accanto al Future Food Institute (FFI) (futurefoodinstitute.org), e al Food Innovation Program (FIP) (foodinnovationprogram.org): un insieme di iniziative create per sostenere lo sviluppo di idee imprenditoriali dirompenti e formare giovani imprenditori nel settore del cibo, capaci di generare impatti economici, sociali, culturali e ambientali positivi per l’intero ecosistema.
 
 
Condividi