Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/G8-Italia-propone-conciliazione-Corte-Europea-diritti-01fd583b-ff49-4e32-8bc4-8025c01f4658.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Genova 2001

G8: Italia propone conciliazione Corte Europea diritti

Offerto a ricorrenti un risarcimento per i danni morali per le violenze subite a Bolzaneto nel corso del summit del G8 di Genova del luglio 2001

Scuola Diaz G8 2001 (Ansa)
Condividi
Un risarcimento di 45 mila euro per danni morali per chiudere la partita dei ricorsi alla Corte europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo a cui si sono rivolti i manifestanti vittime di violenze nella caserma di Bolzaneto nei giorni del G8 del 2001, contestando la mancata sanzione penale e disciplinare nei confronti dei responsabili delle violenze.

Ministero Esteri propone conciliazione
A proporre la 'conciliazione amichevole', procedura prevista dal regolamento della Corte, è stato il ministero degli Esteri con una lettera indirizzata alla seconda sezione della Cedu, che a sua volta l'ha trasmessa ai ricorrenti. Nella missiva, inviata lo scorso 1° dicembre, il governo sottolinea di non voler in nessun modo sminuire la "serietà e l'importanza degli episodi che si sono verificati nella caserma di Bolzaneto" e riconosce che "i gravi e deplorevoli crimini commessi dagli agenti di polizia costituiscono dei crimini" a cui "lo Stato italiano ha reagito in modo adeguato".
La proposta ha l'obiettivo di chiudere il primo dei due ricorsi collettivi presentati contro il governo italiano per violazione dell'art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che proibisce la tortura e impone una sanzione effettiva per i responsabili. La cifra offerta è la stessa sancita dalla prima sentenza di condanna del nostro Paese ottenuta ad aprile di quest'anno da Arnaldo Cestaro, picchiato dalla polizia all'interno della scuola Diaz. Anche se, secondo quanto appreso, una cospicua parte dei ricorrenti ha già comunicato ai propri avvocati l'intenzione di rifiutare la conciliazione e procedere con il ricorso per arrivare a sentenza.

Altro ricorso per le violenze alla 'Diaz'
Oltre a questo primo ricorso che riunisce 31 vittime di Bolzaneto, davanti alla Corte di Strasburgo ne pende un secondo, presentato da altri 32 manifestanti. Per quanto riguarda la scuola Diaz, oltre Cestaro che aveva presentato un ricorso a sé già arrivato a sentenza, pende un secondo ricorso presentato da 40 manifestanti. Nelle sentenze che hanno chiuso i processi i tribunali italiani hanno qualificato in entrambi i casi le violenze commesse come "tortura", ma lo specifico reato non è mai stato introdotto nell'ordinamento italiano, con la conseguenza che i responsabili non sono stati condannati penalmente a causa della prescrizione, dato che il reato di lesioni, l'unico previsto per violenze di questo tipo, si prescrive in 7 anni e mezzo.
Non a caso nella sentenza 'Cestaro contro Italia' del 7 aprile 2015 la Corte europea sottolinea come "la legislazione penale italiana si è rivelata inadeguata rispetto all'esigenza di sanzionare i reati di tortura e priva dell'effetto dissuasivo necessario per prevenire altre violazioni simili in futuro".
Condividi