MONDO

Germania

Capodanno da incubo a Colonia: sono almeno 90 le donne molestate e derubate

I responsabili sarebbero un migliaio di uomini ubriachi di origine araba o nordafricana. "Pesanti delitti sessuali di una dimensione completamente nuova", ha detto il capo delle polizia. La cancelliera Merkel si è detta indignata. Per il sindaco di Colonia non ci sono prove che tra gli aggressori ci siano i profughi appena arrivati: "Niente collega i rifugiati alle aggressioni"

Condividi
Germania sotto shock per le violenze contro decine di donne compiute nella notte del 31 dicembre scorso a Colonia da un migliaio di uomini ubriachi di origine araba o nordafricana. Questi si sono ubriacati nella piazza davanti alla stazione e hanno sparato petardi, poi hanno cominciato a molestare sessualmente le donne che passavano e in qualche caso a rapinarle. Le denunce finora sono 90. "Pesanti delitti sessuali di una dimensione completamente nuova", ha detto il capo delle polizia.  

"Non c'e' nulla che indichi che le persone coinvolte in queste aggressioni siano dei rifugiati". E' quanto ha dichiarato Henriette Reker, sindaco di Colonia, la città tedesca dove nella notte di San Silvestro si sono registrati decine di episodi di aggressioni sessuali nella zona della stazione e della cattedrale. Le parole del sindaco riflettono la posizione del governo tedesco che condanna con la massima forza queste aggressioni ma non vuole che vengano strumentalizzate da gruppi razzisti o anti migranti.

Il racconto di alcune vittime
Alcune vittime hanno raccontato ai media tedeschi la loro notte dell'orrore. La 27enne Anna ha descritto allo Spiegel online il suo arrivo con il fidanzato alla stazione centrale di Colonia con queste parole: "L'intera piazza era gremita di soli uomini. C'erano poche donne isolate, impaurite, che venivano fissate. Non posso descrivere come mi sono sentita a disagio". Altre donne hanno raccontato di essere state circondate, palpate, molestate e derubate. La massa si è poi frantumata in gruppi più piccoli, di 50 persone circa ciascuno, che hanno proseguito la caccia alle donne e hanno lanciato, secondo quanto raccontato dalla polizia, una quantità fuori dall'ordinario di petardi e fuochi d'artificio. Il terrore è durato fino a notte fonda, le bande non si sono fatte impressionare neppure dall'intervento massiccio della polizia.

Gli arresti e le denunce
Cinque persone sono state arrestate sul posto e sono state presentate 60 denunce per delitti di natura sessuale, ma la polizia ritiene che le segnalazioni aumenteranno nei prossimi giorni. "Quel che è accaduto è inaudito" ha commentato sul quotidiano locale "Koelner Stadt-Anzeiger", il sindaco di Colonia, Henriette Reker, che ha convocato per oggi una riunione dell'unità di crisi per decidere le misure a tutela delle donne.

Una decina di denunce anche ad Amburgo
Nel frattempo la polizia di Amburgo ha reso noto che sta indagando su reati simili a quelli avvenuti a Colonia, sempre nella sera di Capodanno. Nella città anseatica, luogo delle aggressioni è stata la Reeperbahn, la via nel quartiere St. Pauli famosa per i locali a luci rosse. Anche qui gruppi di uomini hanno circondato e molestato sessualmente donne che festeggiavano l'inizio del nuovo anno, derubandole di soldi e telefonini. Un portavoce della polizia ha spiegato che si indaga su 9 casi.
Condividi