Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Giachetti-mettere-mano-agli-affitti-delle-case-del-Comune-canoni-gridano-vendetta-agli-occhi-di-Dio-50e1c514-5e8f-4727-98a9-00d8b067f28b.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Lo scandalo 'affittopoli'

Giachetti:mettere mano agli affitti delle case del Comune, canoni gridano vendetta agli occhi di Dio

"E' una cosa ignobile" commenta il candidato del centrosinistra alle primarie in Campidoglio Roberto Giachetti (Pd) a Rainews 24, in merito al nuovo caso di case del comune affittate a poche decine di euro. Giachetti parla anche delle prossime amministrative: "Penso di riuscire a diventare Sindaco, dice, "l'appoggio di Renzi è positivo, ma ho deciso io". E su Marino: "Un errore non dimettersi dopo Mafia Capitale". Non manca un passaggio sulle unioni civili: "Felice di celebrarle dopo la legge Stato"

Condividi

"E' una cosa ignobile a cui bisognerà mettere mano, gridano vendetta". Così il candidato del centrosinistra alle primarie in Campidoglio Roberto Giachetti (Pd) a Rainews 24, in merito al nuovo caso di case del comune affittate a poche decine di euro.

Il nuovo scandalo affittopoli è emerso nelle ultime ore in seguito a una nota diffusa dal Campidoglio, che ha reso noto il risultato parziale e sconcertante dell'attività disposta dal commissario straordinario capitolino, Francesco Paolo Tronca. E' stata la segreteria tecnica del Comune ad effettuare "la verifica puntuale del proprio patrimonio immobiliare". Fino a oggi sono stati "estrapolati 574 dati riferibili alle locazioni in essere nel I Municipio. In molti casi si tratta di importi di poche decine di euro al mese (ad esempio un alloggio a Borgo Pio a 10,29 euro al mese; un alloggio in Corso Vittorio Emanuele a 24,41 euro al mese; un alloggio con vista Fori Imperiali a 23,36 euro al mese; un alloggio in via del Colosseo a 25,64 euro)". I tecnici del Comune ora verificheranno anche "se vi siano occupazioni abusive, (frequenti le discrasie fra gli intestatari dei contratti, risalenti nel tempo, e gli attuali occupanti)".

"Penso di riuscire a diventare Sindaco. L'appoggio di Renzi è positivo, ma ho deciso io"
"La fuga dalle candidature a sindaco di Roma è stata una delle ragioni che mi ha spinto a scendere in campo anche se all'inizio ero molto dubbioso. Penso di riuscire a diventare sindaco di Roma, ma dovevo valutare tutte le implicazioni". "Sono orgoglioso e convinto che per me sia un fatto positivo che Renzi abbia appoggiato la mia candidatura - ha aggiunto Giachetti -. La scelta però l'ho presa io. Credo di essere tra coloro che quando c'era da dire di no a Renzi, anche nelle direzioni, l'ho fatto. Credo che sia folle prendere una decisione così, solo perché te l'ha chiesto qualcuno".

Comune di Roma: "Saranno primarie vere e faranno bene a tutti"
"Io sono contento, so perfettamente che la mia storia è diversa da quella di Roberto (Morassut, ndr) per certi versi. E questo sgombra il campo da chi diceva che sarebbero state primarie finte. Penso saranno primarie vere e questo farà bene al partito, alla politica e alla città" ha detto Giachetti, ricordando gli altri tre candidati alle primarie del 6 marzo: Roberto Morassut, Stefano Pedica e Domenico Rossi.

"Errore di Marino non dimettersi dopo Mafia Capitale"
"Marino era considerato quasi un avversario dalla criminalita' di Mafia Capitale, questo gli va riconosciuto, ma se fossi stato in lui un secondo dopo lo scoppio della vicenda mi sarei dimesso e poi ricandidato per rappresentare quella discontinuita' di cui la citta' aveva bisogno. Questo secondo me e' stato il suo errore politico".

Unioni civili: "Felice di celebrarle dopo la legge Stato"
"Non è un problema di Vaticano. Uno dei problemi della politica è che sempre più, negli anni, ha illuso le persone, e ha creato così delusione e frustrazione. Io sarò orgoglioso di celebrare (da sindaco ndr.) le unioni civili se ci sarà una legge dello Stato che mi consente di farlo. Evocarlo semplicemente con un atto che il giorno dopo non cambia nulla, perché il registro dei matrimoni avvenuti all'estero non muta di una virgola i diritti delle persone che vogliono avere le unioni civili, porta un po' di pubblicità ma crea confuzione e frustrazione" ha detto Roberto Giachetti a chi gli chiedeva se i problemi tra l'ex sindaco di Roma Marino e il Vaticano fossero arrivati con l'istituzione del Registro delle unioni civili.

A Roma superato il  tema corsa al Campidoglio senza simbolo, scelta Pd
"Il tema di non presentare il simbolo del Pd e di creare un raggruppamento in una lista civica e' superato, il partito ha preso una scelta diversa. Quanto al fenomeno delle liste civiche e' assolutamente reale e non mi meraviglierei che ce ne fossero anche in questa occasione".

Condividi