Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Giappone-abdicazione-imperatore-Akihito-30-aprile-2019-prima-volta-in-200-anni-feaff6eb-9a0d-4da8-8f7f-cec8d418b145.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Sol Levante

Ora c'è una data per l'abdicazione di Akihito: l'Imperatore del Giappone lascerà il 30 aprile 2019

Si tratta della prima abdicazione da oltre 200 anni nella famiglia imperiale giapponese considerata la piu' antica del mondo. 

Condividi
L'imperatore giapponese Akihito abdichera' il 30 aprile del 2019. Lo ha annunciato il primo ministro giapponese, Shinzo Abe. "Abbiamo deciso che l'attuazione (della speciale legge che consente all'imperatore di abdicare) debba essere il 30 aprile", ha detto Abe ai giornalisti, segnalando di essere molto commosso per la decisione presa dopo un incontro con l'agenzia imperiale per fissare la data.

"Il governo fara' ogni sforzo per assicurare che il popolo giapponese possa celebrare l'abdicazione dell'imperatore e la successione del principe coronato", ha precisato Abe.

Akihito, 83 anni, aveva espresso a sorpresa, in un discorso dell'estate dello scorso anno, il suo desiderio di cedere il trono al figlio maggiore, il principe Naruhito, 57 anni, citando l'avanzare dell'eta' come impedimento a svolgere appieno le sue funzioni.


Il passo indietro chiesto in un discorso in Tv
Il discorso di Akihito, trasmesso dalla Tv pubblica Nhk , è stato il secondo dall'inizio del suo regno. Il primo fu cinque giorni dopo il devastante tsunami dell'11 marzo 2011.   "Sono preoccupato per la difficoltà di esercitare le mie funzioni come simbolo dello Stato": con queste parole l'imperatore Akihito del Giappone, 82 anni, si era detto preoccupato per le sue capacita' di continuare a soddisfare gli obblighi e la missione che il ruolo gli impone. Era un messaggio molto atteso, contenuto in un video messaggio preregistrato, una dichiarazione solenne in cui lasciava intendere che si attendeva le modifiche dell legge che lo obbligavano a restare imperatore per tutta la vita.   

Akihito e' il 125esimo imperatore a sedere sul Trono del Crisantemo. Ma ora per la prima c'è una scadenza.
Condividi