Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Gigante-finlandese-Nokia-acquista-la-concorrente-AlcatelLucent-per-156-miliardi-di-euro-6674e33d-7bbe-4e9f-a3cc-075d4ed62eb5.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Reti multimediali

Gigante finlandese Nokia acquista Alcatel-Lucent e sfida rivali Ericsson e Huawei

L'intesa per 15,6 miliardi di euro permette ai finlandesi di aumentare competitività e strutturarsi meglio per battere la concorrenza di Ericsson e Huawei, rivali di sempre. Fondamentale sarà  il via libera del governo francese

Condividi
Nokia sempre più leader mondiale della produzione di reti per le comunicazioni. Il gigante finlandese ha infatti raggiunto un'intesa per acquistare la rivale franco-americana Alcatel-Lucent per 15,6 miliardi di euro.

L'accordo di fusione, comunicato dai due gruppi, prevede la cessione agli azionisti di Alcatel-Lucent di 0,55 azioni della nuova compagnia per ognuno dei titoli in loro possesso. Il nuovo gruppo avrà base in Finlandia e sarà gestito dai manager di casa Nokia. 

Sia Nokia che Alcatel-Lucent sono reduci da due mega ristrutturazioni interne, non meno dolorose, che hanno comportato in entrambi i casi la vendita della divisione che produceva telefoni cellulari. I finlandesi l'hanno ceduta lo scorso anno a Microsoft.

Alcatel-Lucent esce invece da un piano di taglio dei costi che ha portato a 10 mila licenziamenti e a dismissioni per 600 milioni di euro.

L'intesa di oggi consente alle due aziende, concentrate sul mercato delle reti per la comunicazione, di aumentare competitività e strutturarsi meglio per battere  la concorrenza di Ericsson e Huawei. In particolare, la posizione di spicco di Alcatel nelle infrastrutture di rete 4G e Lte consentirebbe a Nokia di competere in maniera più aggressiva con la svedese rivale di sempre. 

Fondamentale per la fusione finale - e la nascita di uno dei più grandi gruppi mondiali di telecominicazioni - sarà quindi il via libera del governo francese, che considera Alcatel-Lucent una compagnia strategica e non vede di buon occhio un indebilimento di tale comparto, soprattutto nella filiera della ricerca. 
Condividi