Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Giustizia-orlando-reato-tortura-non-si-pio-perdere-tempo-2ce390be-1cd4-4967-969d-45b21c9b2825.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Inaugurazione anno giudiziario

Giustizia, Orlando: "Sul reato di tortura non si può perdere tempo "

Un principio che tra l'altro ci viene richiesto anche in sede europea e internazionale"  

Condividi
Introdurre il reato di tortura nel codice penale. Lo ha annunciato oggi il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, durante il suo intervento alla cerimonia dell' inaugurazione dell'anno giudiziario a Milano. 

 "Qui, nella città di Cesare Beccaria - ha spiegato nell'aula magna del Palagiustizia milanese - voglio ribadire l'impegno per l'introduzione del reato di tortura. Non possiamo perdere altro tempo nell'affermare un principio che tra l'altro ci viene richiesto anche in sede europea e internazionale".  

Nel dare l'annuncio il Guardasigilli, che ha citato Pietro Verri, ha anche fatto riferimento alle "cronache di questi giorni" e all'inchiesta della dda milanese che ha portato in cella un somalo accusato di aver sequestrato centinaia di persone in un campo di raccolta da lui gestito in Libia, di averne uccise quattro e sempre la' di avere seviziato e stuprato decine di donne. Orlando ha anche rivendicato "con orgoglio (...) i passi compiuti nella promozione di diritti fondamentali", come la legge sulle unioni civili. 

L'iter del ddl 
Il testo, approvato al Senato, modificato dalla Camera e ora di nuovo all'esame di Palazzo Madama, è fermo da luglio dello scorso anno. Approvato dalla commissione giustizia, il ddl è approdato in aula al Senato il 14 luglio: è iniziato l'esame dell'articolo 1, sono stati votati diversi emendamenti. Nella seduta del 19 luglio la Lega, che considera il reato di tortura "un oltraggio - sono le parole di Gian Marco Centinaio - nei confronti delle Forze dell'ordine e di polizia", ha  chiesto che il testo tornasse in Commissione. La richiesta viene respinta ma l'esame del ddl, nei fatti, si blocca. La conferenza dei capigruppo stabilisce di posporre l'esame del provvedimento "al fine di un ulteriore approfondimento del testo". Le resistenze all'introduzione del reato di tortura non sono poche. Arrivano dal centrodestra ma anche dalla maggioranza di governo che al Senato, si sa, ha numeri ballerini. Il 27 luglio, alla vigilia delle vacanze estive, ci prova la senatrice di Sel Loredana De Petris a riesumare il ddl chiedendo "il 13 settembre, alla riapertura, di ripartire con una sorta di sessione di giustizia con il provvedimento sulla prescrizione e, a seguire, il disegno di legge sulla tortura". Alla richiesta si associa M5s. La proposta viene bocciata.  Passa l'estate, passa Natale, passano quasi sei mesi. Il 17
gennaio, dopo l'ennesima conferenza dei capigruppo che ignora il tema, è ancora una volta la senatrice De Petris ha prendere la parola in aula sul reato di tortura: "Si tratta di una questione che riguarda la civiltà giuridica del nostro Paese che credo sia necessario affrontare, tanto più in vista della relazione del Ministro della giustizia, magari nella settimana che inizia con la seduta di martedì 31 gennaio". Stavolta viene messa ai voti una generica proposta di inserire nel calendario dei lavori dell'Assemblea l'esame di ulteriori disegni di legge. La proposta viene bocciata. Oggi l'impegno di Orlando e il plauso del presidente del Pd, Matteo Orfini, che parla di "decisione importante, coraggiosa e giusta". Si vedrà alla prossima conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama se governo e Pd porranno il tema.

 
Condividi