Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Governo-ab4b2eee-b788-4bfa-ac37-48c7dfb040b2.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Dovrà riferire al Capo dello Stato entro venerdì

Consultazioni, Salvini: M5s venga al tavolo senza veti. Improbabile governo con chi ha perso

A palazzo Giustiniani Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi. "Nutriamo la fondata speranza che si riesca finalmente a superare la politica del no che in molti hanno portato avanti fino a oggi", ha detto al termine delle consultazioni il leader della Lega.In corso l'incontro di Casellati con il Movimento 5 Stelle

Condividi
"Nutriamo la fondata speranza che si riesca finalmente a superare la politica del no che in molti hanno portato avanti fino a oggi", dice Matteo Salvini al termine delle consultazioni con la Casellati.

Salvini: M5S accetti parlare programmi e non posti
"Confidiamo che il secondo partito superi i veti e accetti finalmente di sedersi al tavolo parlando di programmi e non dai posti", ha continuato il leader della Lega. "L'Italia reale sta perdendo la pazienza per consultazioni, veti e contro veti". Salvini, che ha parlato a nome del centrodestra, ha ricordato diversi temi come "la riforma delle pensioni" da fare "con chi è stato premiato dagli italiani e con i secondi arrivati. A dispetto di quello che abbiamo letto sui giornali, speriamo che per reciproca volontà si parli di cose da fare come la crisi, l' Alitalia e la riforma fiscale che sta a cuore anche al Movimento Cinque stelle". "Riteniamo improponibile un governo con chi ha perso", ha concluso.




Salvini: spero che oggi sia giorno buono 
"Ieri siamo usciti di qui con gli schiaffoni, se oggi usciamo con i sorrisi metà dell'opera è fatta, il resto lo facciamo la prossima settimana. Speriamo che oggi sia il giorno buono: confidiamo che si possa fare un governo di chi ha vinto le elezioni. Se cadono i veti, se cadono i 'no' si può iniziare a lavorare", dice poi Salvini ai giornalisti assiepati davanti a Palazzo Giustiniani.

L'incontro Casellati Movimento 5 stelle
E' cominciato con quasi un'ora di ritardo - concordato con la presidente del Senato - l'incontro tra Casellati e la delegazione del Movimento 5 stelle guidata da Luigi Di Maio. Con lui ci sono i
capigruppo M5s Danilo Toninelli e Giulia Grillo. 

Toninelli: ipotesi centrodestra-M5S finita, Lega decida
Intanto stamane apertura dei grillini al Pd. "Fosse per noi staremmo già scrivendo il contratto di governo con la Lega. Domani l'ipotesi di un governo di centrodestra sarà finita definitivamente e Salvini dovrà decidere se restare aggrappato alla restaurazione o se scrivere un contratto di governo con noi". Lo afferma a Radio102.5 il capogruppo M5S Danilo Toninelli che sottolinea:"Purtroppo Salvini continua a restare con quel centrodestra che è un'ammucchiata, noi non staremo mai con Berlusconi".

Toninelli: Pd faccia passo avanti per punti intesa 
"Noi parliamo solo della Lega perché il presidente Mattarella ha dato alla Casellati un mandato specifico ma noi non è che non stiamo parlando al Pd al quale rinnoviamo la proposta di sedersi a un tavolo e scrivere un contratto di governo. Io spero che su sollecitazione anche del presidente della Repubblica facciano un passo avanti. Se il Pd vuole realizzare un programma serio noi ci siamo, noi abbiamo il reddito di cittadinanza e loro hanno il reddito di inclusione, troviamo una via di mezzo e combattiamo la povertà". Afferma microfoni di Rtl 102.5 Toninelli. "All'interno del metodo del contratto alla tedesca a me che ci sia Matteo Renzi o meno importa poco perché lui sarà obbligato a votare quelle proposte in Parlamento", sottolinea.

Rosato a Toninelli, Pd non è ruota scorta
"Caro @DaniloToninelli non siamo la ruota di scorta di nessuno, nemmeno delle mancate vostre intese con la #Lega. Non è sufficiente sbianchettare il programma elettorale per farci dimenticare che per anni avete considerato le riforme del Pd il male assoluto". Così su twitter il vicepresidente della Camera Ettore Rosato (Pd) replica al capogruppo M5S.

Condividi