Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Gp-Monaco-Formula-1-A-Montecarlo-le-Mercedes-ancora-davanti-a-tutti-Hamilton-in-pole-09d6e3b1-6a06-4797-b70b-11c3cbc3c40f.html | rainews/live/ | true
SPORT

Le qualifica del Gp di Monaco

Formula 1. A Montecarlo le Mercedes ancora davanti a tutti, Hamilton in pole

Il campione del mondo in carica 'ferma' la serie di Bottas (tre pole di fila). Vettel quarto dietro Verstappen. Disastro Ferrari con Leclerc, eliminato in Q1

Condividi
Sempre la Mercedes davanti a tutti. Stavolta è Hamilton, che frantuma il record di Montecarlo in 1'10"166, a mettersi davanti a Bottas (reduce da tre pole consecutive). Seconda fila per Verstappen e Vettel (che sbaglia l'ultimo tentativo). Qualifiche non positive per la Ferrari, vista soprattutto l'eliminazione in Q1 di Leclerc (che poi avrà qualcosa da ridire col team). In terza fila l'altra Red Bull di Gasly e la Haas di Magnussen (ancora un buon risultato), poi la Renault di Ricciardo e la Toro Rosso di Kvyat. La scuderia di Faenza ha il merito di piazzare in Q3 anche Albon, 10°.

In Q1 il flop di Leclerc, come detto. Beffa resa ancora più amara dal fatto che è stato proprio Vettel nel suo ultimo tentativo (che gli varrà il miglior giro provvisorio) a eliminare il pilota monegasco. La pista migliora bruscamente nel finale e i due ferraristi rischiano la doppia eliminazione, il tedesco (al momento 17°) però piazza la zampata all'ultimo istante mentre il monegasco è ai box e partirà in ottava fila. E Leclerc avrà di che lamentarsi: "Perché non mi hanno fatto tornare in pista? Non lo so onestamente. E' un momento abbastanza difficile. In casa, su una pista come questa di Monaco, non dobbiamo permetterci di essere fuori nel Q1. Ho chiesto fino a un certo punto: 'Siete sicuri che ce la facciamo? Ho solo un decimo e mezzo'. Ma non ho avuto risposta. Poi mi hanno detto che avrei dovuto farcela e quando mancava un minuto ho scoperto che il non era buono per il Q2, troppo tardi. Sono deluso". Subito davanti a Leclerc le due Alfa, che chiudono in coda la Q2.
Condividi