MONDO

Atene

Grecia, Parlamento approva la nuova austerità tra le tensioni

Anarchici lanciano molotov, prima del voto su nuove misure

Gli scontri nella capitale greca
Condividi
Il Parlamento greco ha approvato in nottata un nuovo provvedimento all'insegna dell'austerità, con 153 voti a favore e 143 contrari. In precedenza, si erano verificati incidenti ad Atene tra polizia e manifestanti, proprio di fronte al Parlamento.

Un gruppo di anarchici ha lanciato molotov contro le forze dell'ordine, che hanno risposto con i lacrimogeni per disperderli. Gli anarchici si sono poi mescolati alle migliaia di persone che stavano protestando pacificamente in piazza Syntagma. Il voto del Parlamento riguarda nuove misure di austerità, in particolare la stabilizzazione del sistema pensionistico ed un aumento delle tasse, per poter accedere al terzo piano di salvataggio internazionale. 

Tsipras: la riforma delle pensioni è "necessaria"
Prima del voto, il premier greco Alexis Tsipras aveva difeso la riforma delle pensioni e quella fiscale. "Abbiamo concordato di riformare il sistema delle pensioni senza ridurre le pensioni principali e ce l'abbiamo fatta. Il sistema aveva bisogno di una riforma perché è complesso, socialmente ingiusto e clientelare. E non possiamo permettercelo finanziariamente", ha detto. Tsipras ha sottolineato che la riforma è "sostenibile senza tagliare le indennità principali" e ha promesso che "per più di di due milioni di pensionati non ci sarà un taglio nemmeno di un euro della loro rendita". Il varo giunge prima della riunione dell'Eurogruppo prevista per domani. A tal proposito, il premier ellenico ha espresso la sua fiducia nel fatto che "dopo sei anni di misure di austerità" l'Eurogruppo di domani deciderà' "una riduzione del debito greco".
Condividi