Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Guardie-di-frontiera-russe-obbligano-immigrati-del-Tagikistan-di-sbarbarsi-bd97f1f6-c286-4e7b-8344-c085b90c8eb1.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Russia, le guardie di frontiera obbligano gli immigrati del Tagikistan a sbarbarsi

Condividi
Alcuni immigrati tagiki hanno raccontato ai mass media che le guardie di frontiera russe li hanno obbligati a radersi prima di entrare in territorio russo. Molti immigrati tagiki, che per legge possono entrare senza visto in Russia e soggiornarvi per 90 giorni senza chiedere il permesso di soggiorno, scaduti i termini previsti, escono dal territorio russo, per soggiornare per qualche giorno in Kazakistan o Ucraina per poi rientrare in Russia senza visto. Se invece rimangono sul territorio russo oltre i 90 giorni, rischiano l’espulsione e il divieto di rientro per alcuni anni.

Sul territorio russo attualmente sono presenti circa un milione dei cittadini del Tagikistan. Un immigrato tagiko, di nome Zuhuriddin Ghijosov, ha raccontato ai giornalisti che al valico di frontiera russo-kazako Mashtakovo le guardie di frontiera hanno bloccato l’intero gruppo degli immigrati tagiki, chiedendo loro di sbarbarsi. Gli agenti hanno distribuito le lamette, accompagnando i tagiki nei bagni pubblici. Gli immigrati sono stati autorizzati a varcare il confine soltanto dopo essersi sbarbati.
Condividi