Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Harry-e-Meghan-rinunciano-ai-titoli-di-altezze-reali-4f8d8180-f132-46fa-9ba5-0ce826116aff.html | rainews/live/ | true
PEOPLE

L'annuncio di Buckingham Palace: ​Harry e Meghan non saranno più Altezze Reali

Dalla primavera né obblighi né più fondi pubblici. Rimborseranno i 2,4 milioni usati per ristrutturare la casa nel Berkshire

Condividi

Il principe Harry e la moglie Meghan Markle non potranno più utilizzare i loro titoli di altezze reali e non riceveranno più fondi reali. Lo riferisce Buckingham Palace.

La coppia rende noto- in un comunicato diffuso a conclusione del negoziato con la Casa reale sul loro futuro ruolo- che rimborserà i 2,4 milioni di sterline, denaro dei contribuenti, spesi per la ristrutturazione della loro casa nel Berkshire, Frogmore House, che intendono mantenere come loro dimora nel Regno Unito.

"Il nuovo modello entrerà in vigore nella primavera del 2020". A partire dalla primavera la coppia sarà nota come Harry il Duca di Sussex e Meghan la Duchessa di Sussex, titoli che manterranno sebbene non potranno utilizzare quelli di altezze reali. Harry rimarrà principe, che è il suo titolo di nascita.

La decisione rientra nell'accordo messo a punto dopo che la regina aveva nei giorni scorsi dato il suo via libera alla clamorosa decisione di Harry di fare un passo indietro rispetto ai suoi impegni nella famiglia reale.

In generale, fa sapere Buckingham Palace, in base all'accordo raggiunto, a Harry e Meghan è "richiesto di fare un passo indietro dai loro impegni reali". Perdere il titolo di altezze reali implica, tra l'altro, che il principe Harry non rappresenterà più la regina.

In Canada già in vendita i gadget di Harry e Meghan
Il Celtic Treasure Chest, ricercato negozietto di prodotti britannici e irlandesi di Vancouver, in Canada, vende i gadget del matrimonio di Harry e Meghan ed è pronto a venderne di nuovi, se arriveranno, ma soprattutto a offrire ospitalità ai due ex reali. Il proprietario Stephen Coulson: "Quello che penso di Harry e Meghan che si potranno trasferire in Canada o nella Colombia britannica, penso che sia affare loro. Non mi colpisce particolarmente, a meno che non vengano nel negozio, che sarebbe fantastico per i miei affari!". "Se ci sarà qualcosa per commemorare il trasloco a Vancouver o sull'isola di Vancouver, cercheremo sicuramente di offrire questo tipo di cose - ha aggiunto, ironizzando - Se hanno bisogno di un posto dove stare, ho una casa abbastanza grande. Potrebbe non essere alla loro altezza".

Condividi